Ominide 1490 punti

A Bigger Splash

Inglese d’origine e americano d’adozione è David Hockney (1937), un artista indipendente la cui produzione è in genere avvicinata alla Pop Art. In realtà egli non si allineò mai alla pura ricerca popular, mantenendo un linguaggio eclettico in bilico fra l’esistenzialismo di Bacon- suo maestro ideale, nonostante l’enorme differenza stilistica - e una sorta di realismo alienante.
Il nome di Hockney è stato reso famoso dalla serie di opere dedicate alle piscine di Los Angeles, specchio del “sogno” americano, immagini di un paese spensierato, che con i suoi concetti di libertà, tolleranza e apertura riuscì a sedurre lo stesso artista, inducendolo a lasciare Londra per trasferirsi definitivamente in California alla metà degli anni sessanta. Qui egli si ritagliò un posto nel panorama artistico, interpretando la poetica pop in modo diverso e originale rispetto ai colleghi britannici e a quelli newyorkesi.
In a Bigger Splash ("Uno spruzzo più grande”, 1967) numerosi e immediati sono gli elementi che riportano alla cultura figurativa pop: il dipinto si distingue infatti per i colori brillanti e ricchi di luce, dalla stesura piatta, per la precisa scansione orizzontale dei piani di profondità e per una semplificazione geometrizzante e quasi astratta delle forme. Per ottenere questo effetto, Hockney partì da un’immagine scattata con una Polaroid, un mezzo fotografico semplice e istantaneo che era solito utilizzare per lo studio delle proprie composizioni.
La componente pop dialoga, però, con un’intenzione espressiva diversa, quasi iperreale, che crea nello spettatore un effetto spiazzante. Una tipica immagine californiana -ovvero una casa con piscina, grandi vetrate, palme e sole - è infatti trasformata in un ambiente cristallizzato, dove l'unico segno di vita è lo spruzzo d’acqua, generato dal tuffo di un personaggio a noi invisibile. Hockney traspone dunque in ambito estetico uno status symbol, la piscina, interpretandolo però come una sorta di tempio dell’aliena-zione attraverso un’immagine abbacinata e solitaria, che allo stesso tempo attrae e sgomenta lo spettatore.
Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email