Ominide 1660 punti

I paradisi fiscali

Sono interessate ai paradisi fiscali le multinazionali che vi pongono in genere la loro sede, poi tutti coloro che più facilmente intendono evadere le tasse o riciclare il denaro "sporco", frutto di traffici illeciti. I paradisi fiscali sono noti come piazze offshore: termine inglese che letteralmente significa "al largo" o "fuori dalla costa".
Oggi si stima che l'attività dei paradisi fiscali coinvolga un giro di affari che supera i 1800 miliardi di dollari l'anno.
Il 45% di questo denaro deriva dall'evasione fiscale, il 40% da traffici illeciti e il 15% da capitali di dittatori del Terzo Mondo. Le società offshore nel mondo sono quasi 700.000 e 10.000 sono le banche dotate di sportelli nei paradisi fiscali.
Questi soldi sono sopratutto ben custoditi e protetti. Negli ultimi anni non sono mancati i tentavi da parte della comunità internazionale di contrastare la logica dei paradisi fiscali.

In effetti, qualche miglioramento c'è stato. La realtà è che la maggior parte dei paradisi fiscali basa la sua economia sui traffici finanziari illeciti, quindi sono sordi a qualsiasi appello da collaborazione internazionale.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze