Ominide 6603 punti

Mercato ed equità sociale


I fallimenti del mercato

L'economia di mercato, organizzata in base ai principi del minimo mezzo e del tornaconto personale, realizza risultati discreti sotto il profilo dell'efficienza, ma non altrettanto sul fronte dell'uguaglianza e della giustizia sociale. Numerose situazioni ne contrastano il perseguimento e cio' contribuisce a identificare questo modello economico come una realtà in cui prevale la legge del più forte.
Alcuni economisti considerano le situazioni che contrastano i principi di uguaglianza e di giustizia sociale tra i cosiddetti fallimenti del mercato, cioè i casi in cui i meccanismi di mercato non garantiscono il funzionamento efficiente del sistema economico.
I principali fallimenti del mercato sono:

• la disoccupazione dei fattori produttivi e, in particolare, della manodopera;
• le crisi economiche e, più in generale, l'andamento fluttuante dell'economia;

• l'aumento continuo, e in qualche caso eccessivo, dei prezzi (inflazione);
• la sperequazione (cioè la mancanza di uniformità) nella distribuzone dei redditi;
• la tendenza alla formazione di monopoli.


Perché parliamo di fallimenti?

Le situazioni elencate sono considerate fallimenti del mercato perché sono in contrasto con l'efficiente impiego delle risorse e il soddisfacimento dei bisogni, che sono gli indici concreti del buon funzionamento dell'economia. Si tratta, inoltre, di situazioni che incidono sulle condizioni materiali di vita e sulla dignità delle persone.


I possibili rimedi

Per rimediare ai fallimenti del mercato sono state proposte diverse soluzioni. Le più note sono quelle che sollecitano un ruolo attivo dello Stato nell'economia e che hanno dato vita ai sistemi economici pianificato e interventista. Nelle economie di mercato si sono sperimentate anche forme d'azione diretta (dal basso), gestite da organizzazioni private ma ispirate a principi di solidarietà, collaborazione ed equità sociale.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email