Ominide 11268 punti

L'equilibrio del reddito in economia aperta

In un'economia aperta la domanda complessiva di beni nazionali è pari alla doman-da interna maggiorata delle esportazioni e ridotta delle importazioni. La differenza tra le due voci corrisponde al saldo della bilancia dei pagamenti di parte corrente.

Il reddito di equilibrio è determinato dal volume della domanda complessiva così de-finita. Il contributo del settore estero può essere positivo o negativo.

Non vi è alcun motivo di ritenere che il livello di equilibrio del reddito sia anche quello che assicura il pareggio delle partite correnti della bilancia dei pagamenti. Inoltre, poiché al crescere del reddito le importazioni crescono, un'espansione della domanda interna si accompagna a un peggioramento dei conti con l'estero.

L'equilibrio della bilancia dei pagamenti rappresenta perciò un vincolo al livello di reddito interno di fatto realizzabile. Una crescita delle esportazioni, generata da un'espansione economica all'estero, allenta la natura di tale vincolo e consente di realizzare un livello di attività più elevato. Per questo spesso si parla di crescita trainata dalle esportazioni.

Sia Y* l'equilibrio del reddito con la formula D=C+I+G+X-Z (variabili che determinano il livello delle importazioni);
sia YPC l'equilibrio dei conti con l'estero con la formula X = Z(variabili che determinano il livello delle esportazioni);
Allora abbiamo che:
Y*= YPC .

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove