Sapiens Sapiens 13859 punti

Documenti di spedizione nel commercio internazionale

Nelle transazioni internazionali, l’importatore deve essere in ossesso e presentare alla dogana certi documenti che si riferiscono alle merci, al fine di poter prendere consegna di queste ultime. Essi sono:
1) Le fatture commerciale e consolare. La fattura commerciale (in questo caso definita di spedizione, deve comportare obbligatoriamente la menzione del modo, spese e rischi, di spedizione ed indicare il tribunale competente in caso di vertenza. La fattura consolare deve essere rilasciata dal Console del paese importatore ed attestare il valore e l’origine della merce.
2) Il certificato di origine. Sostituisce la fattura consolare ,attesta l’origine della merce e riporta tutte le informazioni della fattura. Esso è rilasciato dalla Camera di Commercio del paese esportatore.
3) I documenti di trasporto, specifici a seconda del trasporto scelto: per via marittima o fluviale di parla di polizza di carico, per il trasporto aereo di lettera di vettura aerea (LTA), redatta dalla Compagnia aerea incaricata del trasporto, nel caso di trasporto a mezzo ferrovia si utilizza il bollettino di spedizione, per via terrestre abbiamo la ricevuta. Nei trasporti via mare si ha anche il contratto di nolo, cioè il documento che prova la presa a noleggio di una parte o della totalità della nave e ha la stessa funzione del contratto.
4) Il certificato di assicurazione che copre i rischi del trasporto ed è obbligatorio per le spedizioni Caf
5) La distinta dei colli che indica il contenuto il contenuto, la composizione ed ogni altra informazione che riguarda i colli
6) Il certificato di circolazione delle merci. È emesso dal trasportatore e riempito e firmato dalla dogana. Questo documento cambia a seconda dell’appartenenza o non all’ UE.
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email