Ominide 251 punti

Costi e ricavi

Costi = è la spesa o un onere sostenuto dall'impresa per l'acquisto di un fattore produttivo.

Ricavo o provento o corrispettivo = rappresenta quanto realizzato dalla vendita di un bene o di un servizio

Nel conto del reddito occorre tuttavia indicare solo i costi e i ricavi di competenza ossia i costi e i ricavi strettamente attinenti ad un esercizio di riferimento.
Sotto il profilo giuridico il legislatore ha previsto uno schema di determinazione del risultato economico all'articolo 2425 c.c.

I costi d'esercizio di un'impresa mercantile

1. costo di acquisto di merci e d'imballaggi
2. costi per servizi acquistati da terzi
3. costi per il godimento di beni di terzi (affitto)

4. costi per il personale dipendente
5. costi dei finanziamenti – oneri finanziari (interessi passivi)
6. costi tributari (imposte indirette e tasse)
7. costi straordinari (costi legali ed eventi estranei all'attività dell'impresa)
8. imposte sul reddito ( irap – imposta regionale sulle attività produttive)

N.B. Tutti questi costi si dicono costi d'esercizio: essi, opportunamente assestati, saranno costi e ricavi di competenza da inserire nel conto economico per determinare l'utile o la perdita d'esercizio.
Esistono però anche costi pluriennali, ossia costi sostenuti per l'acquisto di fattori a lungo ciclo di utilizzo, cioè fattori produttivi immateriali o materiali destinati ad erogare la loro utilità in più processi produttivi (es marchi, brevetti, software, fabbricati, impianti, macchinari, attrezzature, macchine d'ufficio, arredamento e automezzi).

Nella catalogazione dei costi d'esercizio occorre inserire anche gli oneri diversi di gestione, tra questi esistono le minusvalenze ordinarie: esse sono le perdite che derivano dalla sostituzione di fattori prodotti a lungo ciclo di utilizzo, quando essa sia di routine.

N.B. I costi d'esercizio, opportunamente assestati, trovano la loro collocazione nel conto economico. I costi pluriennali trovano rappresentazioni nello stato patrimoniale.

Per quanto riguarda i ricavi è possibili questa classificazione:
1. ricavi derivati dalla vendita di merci, prodotti e servizi (caratteristici o tipici)
2. proventi vari ( es i ricavi che derivano da gestioni accessorie – affitti, provvigioni, plusvalenze ordinarie, ecc)
3. ricavi finanziari ( interessi passivi verso clienti, bancari, ecc)

4. ricavi straordinari

Nell'ambito dei ricavi è possibile individuare anche ricavi pluriennali, ossia proventi che si riferiscono a più esercizi.
Tali ricavi sono rappresentabili nello stato patrimoniale assieme alle passività.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email