Ominide 55 punti

Il contratto di compravendita

1. Le aziende commerciali

I beni ottenuti dai produttori giungono ai consumatori finali attraverso l'attività di operatori specializzati.
L'insieme di attività svolte per trasferire i beni dalle fonti di produzione al consumo finale è chiamato distribuzione; i beni invece prendono il nome di merci.

Le aziende commerciali svolgono le seguenti attività:
• funzione di intermediazione tra produttori e consumatori finali
• funzione di adattamento delle merci sotto l'aspetto qualitativo e quantitativo
• funzione di orientamento alla produzione
• funzione di finanziamento

Le aziende si distinguono in aziende commerciali per conto proprio e aziende commerciali per conto altrui.

Le prime acquistano le merci, in nome proprio e nel proprio interesse, provvedono alla conservazione e alla commercializzazione; possono essere al dettaglio e all'ingrosso. Quelle per conto altrui invece favoriscono la conclusione di affari per conto di altre aziende.

2. Aspetti giuridici della compravendita


La compravendita, dal punto di vista giuridico, è un contratto:
• Bilaterale
• consensuale
• a titolo oneroso

Il venditore ha l'obbligo di:
• consegnare la merce venduta al compratore
• garantire il compratore dell'evizione
• garantire il compratore da vizi occulti

Il compratore ha l'obbligo di:
• Ritirare la merce
• pagare il prezzo nei tempi e nei modi concordati

Le fasi del contratto sono:
• le trattative
• la stipulazione del contratto
• l'esecuzione del contratto

Nella fase delle trattative i potenziali contraenti entrano in contatto, scambiandosi proposte.
La stipulazione del contratto si ha nel momento in cui chi ha fatto la proposta viene a conoscenza dell'accettazione dell'altra parte. Il contratto può essere stipulato a voce (contratto verbale) o scritto (che può essere formale o non formale).
Nella fase dell'esecuzione del contratto i contraenti adempiono agli obblighi assunti al momento della stipulazione.

3. Aspetti tecnici della compravendita


Gli elementi essenziali sono:
• la quantità della merce
• la qualità della merce. Su specifiche categorie di beni di largo consumo e di uso industriale deve essere apposto il marchio CE
• il prezzo
La mancanza o l'incompleta precisazione di un elemento essenziale può determinare la nullità del contratto.

Gli elementi accessori della compravendita sono le clausole riguardanti la consegna della merce, l'imballaggio e il pagamento.
Il prezzo di vendita è la sintesi monetaria di tutte le condizioni contrattuali.

4. Il tempo di consegna della merce


Il contratto di compravendita può prevedere le seguenti clausole relative al tempo di consegna della merce:
immediata, se la merce deve essere consegnata o spedita al momento stesso della stipulazione del contratto;
pronta, se la mercede essere consegnata entro breve tempo (10-15 giorni) dalla stipulazione del contratto;
differita, se la mercede essere consegnata dopo un certo tempo dalla stipulazione del contratto
Il contratto può stabilire un'unica consegna o una consegna ripartita nel tempo.

5. Il luogo di consegna della merce


La consegna della merce comporta il sostenimento di costi e l'assunzione di rischi. Per esempio, durante il trasporto le merci possono subire avarie, rotture, furti, cali, ecc.
Il luogo di consegna viene stabilito attraverso l'utilizzo di apposite clausole come:
• franco magazzino venditore (FMV) o franco partenza: la merce deve essere consegnata al compratore presso il magazzino del venditore (rischi e costi sono a carico del compratore);
• franco magazzino compratore (FMC) o franco destino: la mercede essere consegnata presso il magazzino del compratore (rischi e costi del trasporto sono a carico del venditore)
Se il trasporto viene effettuato con autocarri del venditore o del compratore o per mezzo di un vettore si hanno le seguenti clausole:
porto franco quando il prezzo del trasporto deve essere pagato dal venditore alla partenza della merce;
porto assegnato quando il prezzo deve essere pagato dal compratore all'arrivo della merce

6. Le clausole relative all'imballaggio


Il contratto può prevedere le seguenti clausole relative all'imballaggio:
imballaggio gratuito quando è formato dal venditore senza nessun costo aggiuntivo;
imballaggio fatturato a parte quando il venditore addebita un importo separato dal prezzo della merce per la cessione dell'imballaggio;
imballaggio a rendere quando il compratore ha l'obbligo di restituire l'imballaggio al venditore;
imballaggio fornito dal cliente quando il compratore deve mettere a disposizione del venditore l'imballaggio

7. Le clausole relative al pagamento


Il compratore ha l'obbligo di ritirare la merce acquistata, ripagare il prezzo nel tempo, nel luogo e con le modalità stabilite.
Con riferimento al tempo di pagamento, si ha il riscontro delle seguenti clausole:
pagamento anticipato quando avviene prima della consegna della merce;
pagamento immediato o per pronta cassa quando avviene al momento stesso della consegna della merce;
pagamento per contanti quando avviene entro un breve tempo (10-20 giorni dalla consegna della merce);
pagamento posticipato, dilazionato o differito quando avviene dopo un certo intervallo di tempo dalla consegna della merce. Questo può essere effettuato in un'unica soluzione o a rate.
Le modalità di pagamento sono molteplici e le più utilizzate sono:
bonifici bancari, giroconti bancari, giroconti postali;
disposizioni elettroniche d'incasso (ricevute bancarie RiBa);
assegni bancari, assegni circolari, assegni postali;
cambiali;
carte di pagamento: carte di debito, carte di credito, carte prepagate;
denaro contante inferiori a 3000€ per contrastare l'evasione fiscale;
contrassegno quando il compratore deve pagare al momento della consegna il vettore

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email