Video appunto: Sinapsi e neurotrasmettitori

Sinapsi e neurotrasmettitori



La principale funzione del neurone è quella di trasferire un segnale elettrico da un punto all’altro dell’organismo, sotto forma di potenziale d’azione. Quest’ultimo può essere trasmesso da una cellula all’altra attraverso due tipi di strutture:
- sinapsi, punto di contatto fra due cellule nervose;
- giunzione, punto di contatto fra una cellula nervosa e una cellula non neuronale.

I neurotrasmettitori sono una vasta famiglia di molecole, divisibili in tre famiglie principali:
- nt ad alto peso molecolare: neuropeptidi (oppiodi endogeni, vasopressina, ossitocina, insulina);
- nt a basso peso molecolare: piccole molecole, tra cui monoamine, (catecolamine, serotonina, melatonina), amminoacidi o AA-devirati (glutammato GABA), purine (ATP e derivati), ACH;
- nt gassosi: ossido nitrico (NO) e monossido di carbonio (CO).

In base al peso molecolare del neurotrasmettitore che contengono, le vescicole sintetiche presentano un aspetto diverso alla microscopia elettronica: quelle che contengono nt a basso peso molecolare risultano più chiare; quelle che contengono nt ad alto peso molecolare, invece, risultano più dense e scure.
Affinché un neurotrasmettitore venga liberato, deve essere prima sintetizzato da parte del neurone presinaptico e immagazzinato all’interno di specifiche vescicole sintetiche. In seguito all’arrivo del potenziale d’azione, il neurotrasmettitore viene esocitato da parte del neurone presinaptico, attraverso la fessura sinaptica e si lega ai recettori presenti sulla membrana post-sinaptica.