Ominide 6606 punti

Minorenni - Caratteristiche ed emancipazione di minore


Le norme giuridiche non riconosco a chi é minorenne la capacità di agire; nella vita quotidiana, pero', gli adolescenti hanno una certa autonomia e molte delle azioni che compiono producono conseguenze giuridiche.
Se, per esempio, vai in pizzeria con gli amici ti verrà regolarmente presentato il conto e sarai tenuto a pagare, anche se non hai ancora la capacità di agire.
In casi come questo le norme ritengono valido il comportamento del minore.
I genitori sono responsabili degli atti compiuti dal minore e lo rappresentano.
Dopo il compimento dei quattordici anni, il minore diviene anche responsabile delle violazioni della legge penale, perché si presume che abbia raggiunto un certo grado di consapevolezza.

L'ordinamento italiano prevede che, con l'autorizzazione del tribunale, i minorenni con più di sedici anni possano sposarsi, riconoscere un figlio oppure dirigere un'impresa che abbiano ricevuto in eredità. In questi casi essi non sono più sottoposti e rappresentati dai genitori, ma acquistano una capacità di agire limitata.

Possono, infatti, compiere da soli gli atti di ordinaria amministrazione, necessari alla gestione della quotidianità, ma per gli atti di straordinaria amministrazione, come per esempio l'acquisto di una casa, devono essere assistiti da un adulto maggiorenne che ha il ruolo di curatore. Solitamente il curatore nominato dal tribunale é un parente o il coniuge (se maggiorenne).

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email