Video appunto: Divorzio - Definizione e caratteristiche

Divorzio



Il passaggio con la L.1.12.1970 n. 898 (Legge sul divorzio) dal regime di indissolubilità del matrimonio a quello di di solubilità, è stato particolarmente difficile. Il matrimonio, ai sensi dell’Art 149, si scioglie con la morte di uno dei coniugi e negli altri casi previsti dalla legge (nel testo originario invece era preso in considerazione solo la morte).
Per quanto riguarda “la disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio“, la legge del 1970 distingue la pronuncia di scioglimento del matrimonio civile da quella di cessazione degli effetti civili conseguenti alla trascrizione del matrimonio concordatario, Per chiarire che il provvedimento giudiziale non incide sull’atto, ma sugli effetti del matrimonio.
Il modello di divorzio accolto nel nostro ordinamento ed il suo fondamento si colgono nell’affermazione “che la comunione spirituale e materiale dei coniugi non può essere mantenuta o ricostruita“. Dunque il divorzio appare come una presa d’atto dell’irreversibilità della crisi del rapporto coniugale e rimedio alla sua definitiva frattura (divorzio-rimedio). A tale visuale si contrappone la visione che tende a configurarlo quale sanzione per la violazione dei doveri matrimoniali (divorzio-sanzione).

La pronuncia di divorzio, una volta attuato il tentativo di conciliazione, richiede la necessaria ricorrenza di una delle cause elencate nell’art. 3 della legge sul divorzio.

Infatti il divorzio può essere chiesto In diverse occasioni:

- Può essere chiesto da uno dei due coniugi quando l’altro sia stato condannato, dopo la celebrazione del matrimonio, con sentenza passata in giudicato:
• All’ergastolo o ad una pena superiore di 15 anni
• Ad una pena detentiva per incesto, reati sessuali o connessi alla prostituzione
• Per reati gravissimi contro la persona del figlio o dello stesso coniuge
• Per reati contro l’assistenza familiare
• Mancata consumazione del matrimonio
• Uno dei coniugi è cittadino straniero e ottenuto all’estero l’annullamento o lo scioglimento