sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-I Canto del Purgatorio-

Il I Canto del Purgatorio è suddivisibile in quattro parti:

_Nella Prima Parte vi è una Protasi, ossia un’introduzione all’opera, dove Dante invoca le Muse della Poesia Classica (le Muse erano delle Divinità Pagane), per chiedere aiuto nella stesura del testo; è da notare il fatto che Dante si rivolga a Divinità Pagane nonostante sia Cristiano, perché egli è strettamente legato alla Cultura Classica.

_Successivamente nella Seconda Parte vi è una Descrizione Astronomica, che corrisponde ad una digressione in cui vengono illustrati i vari Astri; Dante fa questo per dimostrare la conoscenza a 360° del Poeta Medioevale, che doveva essere una persona dalla cultura completa.

_Nella Terza Parte avviene l’incontro con Catone l’Uticense, ossia il Guardiano del Purgatorio e delle sue Anime; egli proveniva da Utica, una città vicina a Cartagine (Nord Africa), ed era una persona favorevole all’idea di governo repubblicana; non potendo opporsi al potere imperiale di Cesare, decise di suicidarsi assumendo un veleno.

Dante lo inserisce nel Purgatorio, poiché ne rispetta l’atteggiamento, visto che si suicidò per non andare contro il suo ideale di libertà politica.
La figura di Catone è completamente opposta a quella di Caronte: in Caronte si scorgeva subito la malvagità dagli occhi, mentre dalla fisicità di Catone si capisce che egli sia una persona più armonica.

_Nella Quarta Parte del Canto, Dante intraprende il Rito di Purificazione, necessario per il proseguo del viaggio nel Purgatorio, visto che egli arrivava dall’Inferno. Lo strumento attraverso il quale Dante si purifica dalle tracce infernali è un Giunco molto flessibile, questa sua flessibilità indica la non rigidezza dell’anima che fa parte del Purgatorio. Una volta purificatosi, Dante, inizia il suo viaggio nel Purgatorio.

Hai bisogno di aiuto in Purgatorio?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email