Ominide 48 punti

Ad un certo punto della sua vita Dante si rende conto di trovarsi in un periodo di grande crisi​ , dove il mondo sia corrotto e l'Ordine costruito da Dio andato distrutto . dà la colpa di ciò 5 fattori
I la crisi dell'impero

2 la Chiesa si è corrotta

3 il nuovo valore fondamentale diventa la cupidigia di denaro dovuto all'arrivo in città della gens Nova che cerca i subiti guadagni

4 gli splendidi valori dell'aristocrazia vengono a mancare

Dante intraprende questo viaggio poiché è voluto da Dio con il fine ultimo di raccontare il dolore visto nell' inferno , la via dell' espiazione del Purgatorio la beatitudine eterna del Paradiso, così che l'umanità intera possa redimersi e salvarsi .; anche per questo è definito percorso universale. Dante non è il primo ad andare nell'aldilà da vivo , infatti prima di lui ci sono stati Enea , da cui è scaturito l'impero romano , e San Paolo , che ha messo le fondamenta della religione cristiana . l'esperienza di Dante è complementare le altre due figure . Il viaggio comincia della settimana santa del 1300 , tra il 7 e 14 aprile, poiché nel primo verso dice " nel mezzo del cammin di nostra vita " quindi a metà della vita di Dante e cioè quando egli aveva 35 anni , poiché all'epoca la vita media era di 70 anni. Un critico italiano, Francesco De Sanctis , al 25 marzo poi che l'anno a Firenze non cominciava dalla nascita di Cristo ( A nativitate) ma dalla data in cui è stato concepito (ab incanatione). all'interno della Divina Commedia ci sono tutti i generi letterari conosciuti : nell'inferno troviamo linguaggio più scurrile , converte parole aspre; nel Purgatorio si parla diversi più allegorici e troviamo un lessico medio , tranne nel sesto canto dove si scaglia contro la città di Firenze; nel paradiso abbiamo un tono solenne, aulico, con latinismi, provenzalismi, francesismi, residente in tutti i modi di spiegare concetti altissimi pur essendo ineffabile tutta la Divina Commedia è un'allegoria continua che dovrebbe essere letta come allegoria dei teologi cioè ogni figura che Dante incontra nel suo viaggio non è altro che il compimento di quel che è stato in terra; è questo che dice Auerbach con la tua interpretazione figurale . riferimenti filosofici sono San Tommaso , irrazionalismo di Aristotele filtrato dai filosofi arabi Averroè e Avicenna , Platone e San Bonaventura, che porta Dante il misticismo cioè l'incontro dell'artista con Dio . il viaggio di Dante e verticale e lineare . dell'inferno e del Paradiso il tempo eterno mentre nel Purgatorio è precario è limitato . il tempo di Dante però è totalmente diverso poi che sia il tempo della storia e tempo dell'autore . Dante e autodiegetico cioè l'autore è il protagonista che vive i fatti sono la stessa persona . il narratore e ogni scende ma a volte fa parlare direttamente il personaggio quindi da una focalizzazione esterna si passa ha la focalizzazione interna . durante il suo cammino Dante incontra i personaggi ai quali chiede la loro storia: i personaggi quindi diventano narratore autodiegetico. durante lo racconti di personaggi utilizzano due tecniche narrative lo scorso e l'ellissi . un esempio di scorcio e l'episodio di Paolo e Francesca dov'è Francesca non parla a Dante di tutta la tua vita ma solo dal momento in cui diventa dannata . Un esempio di ellissi è l'episodio di Piccarda Donati che racconta solo una parte della sua storia e cioè di quando è stata una casa per sposarsi ma non racconta il perché il seguito della storia . l'edizione che si può leggere della Divina Commedia e quella risalente al 1966- 77 di Petrocchi , un filosofo che dopo uno studio approfondito su Dante sulla sua opera la riscrive. Non abbiamo il racconto autografo di Dante ma quello di Boccaccio che lo ha ricopiato. Un'altra tecnica particolare è molto moderna che Dante utilizza è quella della descrizione di paesaggi ma soprattutto i personaggi non in modo statico ma in modo dinamico nel mentre dell'azione come per esempio la descrizione di Caronte. Nell'inferno ci sono quattro fiumi: l'Acheronte , dove vengono traghettare le anime , l'Ostige, una palude gli escrementi , Flagetonte, la palude di sangue bollente e il Cocito , acqua ghiacciate a causa del movimento di ali di Lucifero . la guida di Dante e Virgilio che viene scelta per 4 motivazioni: la prima è che Virgilio era considerato il più sapiente degli antichi infatti ha detto anche allegoria della ragione , e nel Medioevo veniva rappresentato come colui che può testimoniare dove la ragione può arrivare. La seconda perché nella quarta bucolica Virgilio previsto che sarebbe nato un puer cioè un fanciullo che avrebbe riportato sulla terra la fatidica età dell'oro ;per questo è considerato profeta del medioevo . la terza ragione è perché aveva cantato di Enea che è il fondatore dell'impero romano il quarto motivo è che Virgilio era considerato Dante il maestro di bello stilo cioè dello stile perfetto .

Hai bisogno di aiuto in Divina Commedia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email