Ithaca di Ithaca
Tutor 11311 punti

Parafrasi de La mirabile visione dalla Vita Nova

Introduzione


Il capitolo preso in esame conclude solo indicativamente l’opera della Vita Nova; Dante, infatti, ci comunica il suo desiderio di scrivere della donna amata ciò che mai non fue detto d’alcuna, probabilmente preannunciando la scrittura della Commedia.
Possiamo inoltre dire che tale capitolo conclusivo svolge una duplice funzione: da una parte richiama, con la sua brevità e importanza, il primo capitolo dell’opera, evidenziandone la circolarità; dall’altra, i continui richiami a opere future rendono la Vita Nova un’opera aperta, pronta a ulteriori rinnovamenti.


Testo originale de La mirabile visione, capitolo XLII della Vita Nova di D. Alighieri


Appresso questo sonetto apparve a me una mirabile visione, ne la quale io vidi cose che mi fecero proporre di non dire più di questa benedetta infino a tanto che io potesse più degnamente trattare di lei. E di venire a ciò io studio quanto posso, sì com’ella sae veracemente. Sì che, se piacere sarà di colui a cui tutte le cose vivono, che la mia vita duri per alquanti anni, io spero di dicer di lei quello che mai non fue detto d’alcuna. E poi piaccia a colui che è sire de la cortesia, che la mia anima se ne possa gire a vedere la gloria de la sua donna, cioè di quella benedetta Beatrice, la quale gloriosamente mira ne la faccia di colui qui est per omnia secula benedictus.

Parafrasi


Dopo il sonetto precedente mi apparve una visione celeste, nella quale vidi cose che mi suggerirono di non parlare più di Beatrice, ormai eletta beata, finché io potessi poetare più degnamente in sua lode. E per giungere a ciò io mi impegno molto, com’ella sa con certezza. Cosicché, se sarà volontà di Dio per il quale tutto il mondo vive, che la mia vita duri per altrettanti anni, io spero di scrivere di lei ciò che mai fu detto di nessuna donna. E al termine voglia Dio, che è Signore di tutte le virtù, che la mia anima possa andare a mirare la gloria della sua donna, cioè della benedetta Beatrice, che nel Paradiso contempla gloriosamente il volto di colui che è benedetto per tutti i secoli.
Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Dante?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Tanto gentile e tanto onesta pare: Parafrasi, commento e analisi del testo