Dante è nato a Firenze nel 1265 e morto nel 1321 e apparteneva all classe dirigente.
Ciò che sappiamo di lui è dovuto alle sue opere, ovvero si è autodescritto come uomo di grande cultura, facendo di lui un soggetto colto e altezzoso che considerava la sua generazione superiore perché avevano inventato un nuovo stile.

Opere:
- Commedia: diventò 'divina' quando venne studiata. È il secondo testo più studiato al mondo, si contende il posto con Shakespeare, e se fosse stata scritta in inglese sarebbe ancora più letta.
- La vita nuova
- De Vulgaris Eloquentia: prende in considerazione e giudica i dialetti italiani.
- Tante poesie
- Lettere in esilio.

Il suo avvenimento più importante è stato l'esilio: egli non poté più tornare a Firenze a causa dei contrasti tra Guelfi e Ghibellini, e questo lo traumatizzò. Divide la sua vita in prima (stil novo) e dopo (Commedia).

Sposò Gemma Donati, ebbe figli, tra i quali Pietro Di Dante che fu il primo commentatore della Commedia.

Pare che Beatrice sia esistita veramente, sposata e con figli, morta di parto a 30 anni.

Le poesie di Dante erano considerate snob, poiché egli le definiva migliori delle precedenti, capite e apprezzate da pochi poiché pochi avevano la sensibilità per capirne i temi, come la nobiltà d'animo. Egli riteneva che il vero nobile dovesse essere gentile e ortese d'animo e non dovuto alla nascita, da qui scompare il significato di nobile come privilegio e si diventò nobili per carattere.

La Vita Nuova
Esso è un testo fondamentale per lo Stil Novo, ed è stilnovista perché contiene, appunto, poesie di questo genere, e il suo oggetto fondamentale è la donna, ovvero Beatrice, che è idealizzata da Dante. È composto da 50 pagine ed egli tratta di parte della sua vita che ritiene decisiva in quanto uomo, cristiano e scrittore; è un testo autobiografico in cui Dante inserisce parti idealizzate e parti veritiere. È scritto in prosa con poesie (sonetti) in mezzo, in lingua volgare. È una sorta di antefatto della Commedia in cui Dante insiste sul numero 9, poiché a quel tempo ai numeri veniva dato il ruolo di simboli, ed il 9 è il quadrato di 3, che rappresentava la Trinità. Da qui traspare che egli avesse un'ossessione per i numeri.
Il testo racconta una "vicenda d'amore" tra Dante e Beatrice, che s'incontrano a 9 anni e poi a 18, lui s'innamora ma non è ricambiato e lei diventa la sua ispirazione cristiana.
→ Primo capitolo: "Proemio", introduzione dell'autore all'opera, dice che è accaduto qualcosa che l'ha cambiato.
→ Secondo capitolo: 9 anni di età, Beatrice è ritenuta santa.

La Commedia:
Scritto tra il 1302 e il 1318, 15 anni in cui Dante è impegnato per mantenere la famiglia.

È una delle opere letterarie più complesse e profonde mai scritta, se ne hanno copie scritte a mano del 1320 e dopo, ma il manoscritto autografo no. È un testo molto famoso e sebbene i lettori siano stati poche centinaia/migliaia, i personaggi erano conosciuti anche dalla gente popolare.

Tratta di un viaggio, in sogno, che Dante ha l'onore di fare da vivo nel mondo dei morti.

Egli sente, a metà della sua vita, che non si era comportato da buon cristiano.

Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Dante?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove