Tavola periodica - classificazione elementi


Tutti gli elementi hanno un nome e un simbolo, che deriva dall’inizio della sua nomenclatura in latino. Tutti gli elementi sono stati collocati da Mendeleev in una tavola periodica per via delle ripetizioni delle caratteristiche degli elementi in funzione delle loro masse atomiche crescenti. Nella tavola periodica moderna gli elementi sono ordinati in base al numero atomico in ordine crescente ed è suddivisa in 18 colonne verticali, di cui le prime due e le ultime 6 sono i gruppi, e 7 orizzontali, che sono i periodi.

In base alle loro proprietà, gli elementi vengono classificati in:
- Metalli: lucentezza, buona conducibilità elettrica e termica, malleabilità e duttilità;
- Non metalli: hanno caratteristiche opposte ai metalli;

- Semimetalli: hanno caratteristiche intermedie.

Gli atomi sono formati da particelle più piccole: protoni (caricati positivamente), elettroni (caricati negativamente) e neutroni (privi di carica). Neutroni e protoni, insieme chiamati nucleoni, hanno la stessa massa e formano il nucleo atomico, attorno al quale ruotano gli elettroni.
Per identificare un elemento utilizziamo la notazione atomica: (rappresentazioni: nuclidi)
Numero atomico dell’elemento (Z): quantità di protoni, posto come pedice a sinistra del simbolo;
Numero di massa (A): quantità totale di protoni e neutroni, posto come apice a sinistra del simbolo.

Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email