Modello atomico di Bohr

Gli elettroni ruotano attorno al nucleo, e le orbite da loro descritte sono a una distanza ben precisa dal nucleo, che dipende dalla quantità di energia, chiamati livelli energetici.
Ogni elettrone segue una determinata traiettoria circolare, chiamata orbita stazionaria.
Se viene riscaldato, passa a uno stato eccitato assumendo quanti di energia: quindi gli elettroni fanno un salto alle orbite superiori.
Oltre ai livelli energetici (da 1 a 7 ) esistono dei sottolivelli dove gli elettroni sono collocati. Questi vengono contraddistinti con le lettere s p d f e ognuno può avere un numero massimo di elettroni (s 2 ,p 6, d 10, f 14).
Per calcolare il numero massimo di elettroni in un livello: 2n2
Per stabilire l’ordine di distribuzione degli elettroni di un atomo nei vari livelli e sottolivelli bisogna tenere conto delle energie associate a ciascuno: 1s, 2s, 2p, 3s, 3p, 4s, 3d, 4p, 5s, 6d, 5p, 6s, 4f, 5d, 6p, 7s, 5f, 6d

La configurazione elttronica di un atomo descrive la collocazione degli elettroni nei vari sottolivelli

Natura ondulatoria degli elettroni

Gli elettroni possono presentare delle proprietà ondulatorie perciò non è possibile apllicare i principi della meccanica classica, ma bisogna utilizzare quelli della meccanica quantistica. Uno dei principi fondamentali di questa riguarda il fatto che non è possibile determinare con precisione le traiettorie degli elettroni attorno al nucleo.
Principio di indeterminazione (heisenberg) non è possibile conoscere contemporaneamente la posizione e la velocità di un elettrone
Dato che non è possibile conoscere con certezza le orbite esatte degli elettroni si parla di orbitale atomico, lo spazio intorno al nucleo dove un elettrone potrebbe trovarsi

I numeri quantici

Permettono di descrivere la collocazione degli elettroni all’interno di un atomo
Numero quantico principale: n, rappresenta il livello energetico dell’elettrone 1 7
Numero quantico secondario: l, indica quanti tipi di orbitale possono esistere all’interno di un livello atomico principale 0 n-1
Numero quantico meccanico: m, indica quanti orbitale esistono in ciascun sottolivello –l +l
Numero quantico di spin: s, indica il verso di rotazione dell’elettrone attorno al proprio asse +⅟₂ -⅟₂
Principio di esclusione: due elettroni possono coesistere in uno stesso orbitale solo se dotati di spin opposti
Principio delle massima molteplicità (principio di Hund): gli elettroni in uno stesso sottolivello tendono a occupare il numero massimo di orbitali disponibili ottenendo così il massimo della stabilità

Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email