Corra96 di Corra96
Habilis 3571 punti

Innalzamento ebullioscopico


L’innalzamento del punto di ebollizione è proporzionale alla frazione molare di soluto. In soluzioni diluite, la frazione molare di soluto è proporzionale alla sua molalità, quindi si può scrivere:
〖∆T〗_eb=K_eb×m
Dove 〖∆T〗_eb è l’innalzamento della temperatura di ebollizione, K_eb è la costante ebullioscopica molare (che dipende dal punto di fusione, dall’entalpia di fusione e dalla massa molare del solvente), e m è la molalità.

Abbassamento crioscopico


L'abbassamento crioscopico è la differenza osservata tra le temperature di fusione di un solvente puro e di una sua soluzione. L’abbassamento crioscopico è proporzionale alla frazione molare di soluto. In soluzioni diluite, la frazione molare di soluto è proporzionale alla sua molalità, quindi si può scrivere:
〖∆T〗_c=K_c×m
Dove 〖∆T〗_c è l’abbassamento della temperatura di congelamento, K_c è la costante crioscopica molale (dipende dal punto di fusione, dall’entalpia di fusione e dalla massa molare del solvente), e m è la molalità.

Gli elettroliti in soluzione si dissociano in ioni. Il numero di particelle in soluzione è maggiore di quello presente in soluzioni di non elettroliti di pari concentrazione. Di conseguenza è necessario moltiplicare le formule fino ad ora viste per una costante i.
Quindi:
Innalzamento ebullioscopico〖∆T〗_eb=〖i×K〗_eb×m
Abbassamento crioscopico 〖∆T〗_c=i×K_c×m

Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email