Video appunto: Energia di ionizzazione, affinità elettronica ed elettronegatività
l’energia di ionizzazione, che è l’energia necessaria ad allontanare un elettrone da un atomo in fase di gas (si misura in kJmol). L’energia di ionizzazione aumenta lungo i periodi e diminuisce lungo i gruppi, perché gli elementi a sinistra della tavola periodica tendono a cedere più facilmente gli elettroni essendo metalli con bassa elettronegatività, per lo più scendendo lungo un gruppo gli elettroni sono più lontani dal nucleo e quindi è più facile strapparli.
L’energia di ionizzazione primaria riguarda l’atomo neutro ed è massima in alto a destra, quella secondaria parte dal catione ed è maggiore di quella primaria e lo è di molto se il secondo elettrone va espulso da uno strato chiuso, ossia con una configurazione uguale a quella di un gas nobile. N.B.: i metalli cedono facilmente elettroni perché il legame metallico svincola gli elettroni di valenza dai rispettivi atomi;

l’affinità (avidità) elettronica è il lavoro che un atomo allo stato gassoso compie per acquistare un elettrone. Gli elementi degli ultimi gruppi hanno una grande affinità per l’elettrone, al contrario di quelli dei primi gruppi. L’affinità elettronica ha quindi un andamento uguale a quello dell’energia di ionizzazione, ad eccezione dei gas nobili, che non hanno affinità per gli elettroni
l’elettronegatività è la tendenza di un atomo ad attrarre a sé gli elettroni di legame