Ominide 2473 punti

Regolazione dell'espressione genica prima della trascrizione


La metilazione del DNA avviene a livello del promotore. C’è un’inibizione della trascrizione a livello del promotore, che avviene a livello epigenetico; è una regolazione che non riguarda la sequenza del DNA, ma dei gruppi metilici che si legano alla citosina, di solito affiancata alla guanina (isole CpG), non legata ad essa con legami idrogeno. C’è sempre la trasferasi come enzima. Anche questa è una metilazione che può essere trasferita con la discendenza. Vengono cancellate quando ci sono i figli. La cellula totipotente è meno metilata, ma progredendo con lo sviluppo la metilazione aumenta; il blocco differenziale dei vari geni è determinato molto anche dalla metilazione, che blocca i geni che devono esprimersi. Agisce sull’espressore senza alterare la sequenza di DNA.

L’enhancer è un intensificatore. Un silencer agisce in senso opposto Troviamo anche in questo caso troviamo parti della sequenza del DNA che aiutano o ostacolano i processi. Essi coinvolgono moltissime molecole; può essere un processo completamente bloccato, regolato o al massimo della velocità. Tutti questi fattori proteici sono in gioco per questa regolazione (enhancer o intensificatori).
Nei batteri il lattosio, presente nel loro ambiente, regola l’espressione genica per l’operone lattosio. Ciò è condizionato dalla presenza del lattosio o meno. Nel caso degli eucarioti la regolazione avviene o per l’ambiente esterno o quello interno, come le informazioni che arrivano attraverso altre cellule o sostanze contenute nella circolazione linfatica o sanguigna. Si innescano i processi a partire da una proteina che viene attivata con dei segnali che permettono all’organismo di costruire un complesso proteico che favorisce la produzione di elementi più adatti alla situazione. Si capisce perché servono sostanze molto specifiche.

Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email