Ominide 2471 punti

Ingegneria genetica


Una differenza tra ingegneria genetica e biotecnologia è che il secondo termine è molto più generale e rappresenta tutte le tecnologie della vita (come trasformazioni su prodotti biologici dell’uomo, come agricoltura, produzione di vino, di birra, lievitazione del pane ecc.). L’ingegneria genetica è la modificazione di geni in un certo modo, solitamente operata dall'uomo per trarne vantaggio.
La tecnologia base dell’ingegneria genetica è stata chiamata tecnica del DNA ricombinante, sperimentata all’inizio degli anni ’70. All'epoca non era ancora considerata una tecnologia da cui trarre profitto. Consiste nel fare quello che gli organismi fanno, utilizzando degli enzimi, che possono tagliare il DNA dei batteri in punti particolari, per poi modificarlo e reinserirlo in punti più o meno specifici. Si può fare in modo che i batteri inglobino nel loro DNA questi elementi tagliati per poi infettare l'organismo in cui reinserirli. Un segmento che si inserisce può far produrre delle nuove proteine. La tecnica del DNA ricombinante sfrutta le potenzialità dei batteri per produrre nuove proteine. Gli ingegneri genetici naturali sono virus e batteri. L’uomo ha imparato questa tecnica da loro e ha tentato di utilizzarla. La gestione delle risorse genetiche richiede capacità di previsione molto avanzate. Non riusciamo a comprendere i complessi nella loro interezza.
Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email