Genius 24332 punti

Le funzioni degli acidi nucleici

Con la sintesi proteica, che si verifica nel citoplasma, si ha la traduzione del codice genetico. Il codice genetico è scandito in triplette di basi, è continuo, senza interpunzioni, né sovrapposizioni. La sequenza dei nucleotidi lungo la molecola di un mRNA viene tradotta nella sequenza primaria degli amminoacidi in una proteina. Nella sintesi interagiscono mRNA, tRNA, rRNA e ribosomi, i quali si comportano come complessi sistemi enzimatici.
Essi scorrono l’mRNA e assembiano via via la proteina. I nucleotidi vengono letti tre per volta, poiché ogni tripletta specifica un particolare amminoacido. Ciascuna tripletta è definita “codon”.

Nella sintesi di una catena polipeptidica si susseguono tre fasi: inizio, allungamento e terminazione della catena. La direzione di traduzione avviene sempre nella direzione 5’-3’ dell’mRNA. II processo coinvolge numerosi fattori di controllo o proteine enzimatiche.
L’energia impiegata è quella dell’idrolisi di molecole di GTP e ATP
La fase d’inizio comporta l’interazione dell’mRNA con la subunità minore dei ribosomi, l’adattamento di un AA-tRNA (aminoacil tRNA) iniziatore in corrispondenza del codon AUG, esposto sul sito P della subunità maggiore, la composizione in un’unica struttura delle due subunità ribosomiali.
Nella fase di allungamento via via al primo amminoacido si legano altri amminoacidi; il legame si instaura tra il gruppo — COOH del primo amminoacido e il gruppo NH2 dell’amminoacido legato a uno dei tRNA che sequenzialmente interagiscono con le triplette esposte sul sito A del ribosoma.
La sintesi proteica termina quando sul sito A è esposta una delle tre tnplettedi terminazione UAA, UAG, UGA; la catena polipeptidica viene rilasciata e il tRNA vuoto si distacca dal sito P. Le subunità ribosomiali si dissociano e rientrano nel pool delle subunità.
Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email