Genius 41985 punti

Gli enzimi di restrizione



Riconoscono specifiche sequenze di nucleotidi presenti nelle molecole di DNA e le tagliano in punti precisi, detti siti di restrizione, dando origine a frammenti di piccole dimensioni.
I vari frammenti che risultano dalla digestione dì una molecola di DNA vengono separati con un metodo, molto usato in biologia molecolare, noto come elettroforesi su gel. Sono note centinaia di endonucleasi di restrizione, presenti in vari batteri, e più di 150 sequenze di riconoscimento. Le endonucleasi vengono definite con tre lettere appartenenti alla specie batterica di derivazione: Eco, per esempio, sta per E. coli .
Nell'endonucleasi EcoRI il DNA viene digerito da due differenti endonucleasi in corrispondenza di due specifiche sequenze di riconoscimento; i tagli producono da una parte frammenti di DNA a doppio filamento con estremità a filamento singolo, note come estremità coesive (o adesive), nell’altra sequenza non lasciano basi non appaiate e formano estremità non coesive. I siti in cui vengono operati i tagli sono i legami tra le basi azotate A e G e tra le basi G e C delle sequenze di riconoscimento.
Il taglio che libera estremità coesive rende possibile l’unione dei frammenti di DNA di organismi diversi; le basi del filamento singolo di una estremità coesiva si appaieranno mediante legami idrogeno a sequenze complementari di un altro filamento singolo di molecole di DNA, tagliate con lo stesso enzima.
Le estremità non coesive presentano minori possibilità di essere saldate ad altre molecole.
Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email