Ominide 2155 punti

La clonazione animale

La clonazione degli animali può essere effettuata tramite la tecnica del trasferimento nucleare. Grazie a questo metodo il nucleo di una cellula somatica di un individuo adulto viene inserito in un cellula uovo. La blastocisti che ne deriva può essere utilizzata a fini riproduttivi oppure terapeutici.
Nella clonazione riproduttiva, nei mammiferi, per ottenere un individuo è necessario impiantare l’embrione nell’utero di una madre surrogata. L’animale che ne deriva sarà geneticamente identico al donatore della cellula.
Nella clonazione terapeutica, invece, dalla blastocisti è possibile ottenere cellule staminali embrionali che possono essere fatte crescere in coltura, dove, si riproducono indefinitamente. Queste cellule vengono utilizzate per guarire i pazienti con danni irreversibili ai tessuti.

Il controllo genetico dello sviluppo embrionale

L’attivazione in sequenza di alcuni geni è un evento comune nello sviluppo di un organismo. I geni omeotici controllano altri geni adibiti alla determinazione dei piani strutturali corporei. La comunicazione fra cellule avviene grazie a messaggeri molecolari che attivano una sequenza di trasduzione del segnale che permette di trasformare un messaggio molecole all’esterno della cellula. I geni omeotici contengono una stessa sequenza di nucleotidi detta homebox e tradotta in una piccolo segmento polipeptidico che si lega a specifiche sequenze di DNA consentendo alla proteina omeotica di attivare o disattivare, durante lo sviluppo, determinati gruppi di geni.

Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email