Ominide 11269 punti

La colorazione premonitrice


Esistono animali che rivelano con chiarezza la loro capacità di difendersi se sono attaccati da altri animali e pertanto non ricorrono ad artifici per la loro sicurezza. Esistono altri animali che sono dotati di veleni, che li rendono non solo disgustosi a mangiarsi ma anche pericolosi. E’ evidente che questi animali hanno interesse ad essere riconosciuti ed evitati. Per questo assumono certi vistosi colori di avvertimento. E cosi gli animali si vestono di smaglianti livree. Bruno e giallo, ad esempio, combinati insieme sono facili a vedersi: ebbene vespe e calabroni, che sono dotati anche di acuti pungiglioni, vanno bene in giro cosi … vestiti. Colori segnalatori hanno i serpenti velenosi del deserto, dalla pelle ricca di vivaci colori: sono come gli antichi, spavaldi guerrieri armati in modo appariscente, perché forti e privi di paura. Cosi i bruchi velenosi hanno colori vivi, provocanti per avvertire e premonire gli eventuali aggressori. Anche la pacifica coccinella informa con il suo bel colore rosso punteggiato. In genere gli animali selvatici apprendono molto presto a distinguere cio che è pericoloso e sgradevole: quando un uccello assaggia un insetto di cattivo sapore evita in futuro di assaggiarne altri simili.
Hai bisogno di aiuto in Evoluzione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove