Genius 13137 punti

Mitocondri e perossisomi

I mitocondri sono delimitati da due membrane una esterna e una interna, quella interna presenta delle introflessioni ed estroflessioni chiamate creste. I mitocondri sono generalmente più piccoli dei plastidi e presentano grandi variabilità nella forma e nella lunghezza. I mitocondri costituiscono i siti della respirazione cellulare, cioè quel processo che porta alla liberazione di energia contenuta nelle molecole organiche e il trasferimento di quest'energia a molecole di ATP, la principale e immediata fonte di energia chimica per tutte le molecole eucariotiche (ovvero la moneta energetica). Oltre alla respirazione, i mitocondri sono coinvolti anche nella biosintesi di aminoacidi, vitamine cofattori e di acidi grassi e svolgono anche un ruolo rilevante nella morte cellulare programmata, apoptosi, durante la quale si ha un rigonfiamento dei mitocondri è il rilascio del citocromo C, che normalmente è coinvolto nel trasporto degli elettroni. Rilasciando il citocromo C si va ad attivare delle proteasi e delle nucleasi ovvero enzimi che determinano la degradazione del protoplasma. I mitocondri sono in costante movimento infatti ruotano, si contraggono oppure possono spostarsi da una parte all'altra della cellula fondendosi e dividendosi. Così come i plastidi, in modo particolare i cloroplasti, anche i mitocondri sono organelli semiautonomi nel senso che contengono il corredo necessario per la sintesi di alcune delle loro proteine. La membrana interna racchiude una matrice che contiene proteine, DNA e RNA e piccoli ribosomi e sono simili a quelli batterici. Nelle cellule vegetali l'informazione genetica si trova in tre differenti compartimenti: nel nucleo nei plastidi e nel mitocondrio. Tutti gli attuali eucarioti contengono mitocondri e tutti gli eucarioti autotrofi contengono anche cloroplasti il che sembra confermare la teoria della simbiosi: ovvero dell'invaginazione di una cellula procariotica all'interno di una cellula eucariotica ancestrale e l'interdipendenza dell'una all'altra percui oggi non è pensabile che queste due cellule possono vivere separatamente.

I perossisomi sono organelli capaci di autoduplicarsi come i plastidi e i mitocondri. A differenza di questi però non posseggono né DNA né ribosomi. I perossisomi hanno un importante ruolo nella fotorespirazione, ovvero un processo che consuma ossigeno e libera anidride carbonica: avviene il contrario di quanto avviene durante la fotosintesi. Nelle foglie verdi sono associati ai mitocondri e ai cloroplasti. Altri perossisomi chiamati gliossisomi hanno enzimi necessari per convertire i grassi di riserva in saccarosio, durante la germinazione di molti semi.

Hai bisogno di aiuto in La cellula?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email