Quella da Helicobacter pylori è l’infezione più comune al mondo, attacca lo stomaco ed è la principale causa di gastrite, esofagite, ulcera e cancro allo stomaco. Fino a pochi anni fa non si sapeva neanche che esistesse questo batterio. Poi, nel 1982, grazie a due medici australiani, Barry Marshall e Robin Warren, si individuò il batterio come la principale causa di gastriti e ulcere allo stomaco e al duodeno. Nel 2005 i due medici ebbero il premio Nobel per questa scoperta e da allora la ricerca non smette mai di cercare nuove soluzioni e nuove cure per debellare questo insidioso batterio. Il Helycobacter Pylori è un batterio molto irritante che si annida nello stomaco umano In pratica si insedia nello stomaco e ne attacca le pareti, minandolo dall’interno. L’Helicobacter causa gastriti, esofagiti, ulcere duodenali e cancro allo stomaco, un po' come il fumo. Inoltre, può essere responsabile anche di problemi come emicranie, disturbi vascolari e di infertilità. I sintomi principali sono nausea, dolore allo stomaco, febbre o vomito. In più, la gastrite si accusa anche con forti bruciori e dolori sotto lo sterno, all’inizio dello stomaco, che peggiorano a stomaco vuoto e si placano mangiando qualcosa. Si trasmette generalmente quando siamo ancora piccoli, a causa di una cattiva igiene orale, dallo spazzolino o dal tovagliolo. E’ stato dimostrato che questo batterio non sopravvive all’infuori dello stomaco umano e che lì trova il suo habitat ideale. Per diagnosticarlo ci sono diversi metodi invasivi e non invece metodi non invasini come il test sulle feci e il test del respiro o Urea Breath Test. Ci sono poi gli esami endoscopici, come la gastroscopia, un po’ più invasiva ma praticamente dalla diagnosi immediata. C’è anche il prelievo di campioni bioptici. L’Hepylobacter Pylori si debella con un cocktail di antibiotici e di antiacidi, assieme a farmaci detti inibitori della pompa protonica.

Hai bisogno di aiuto in La cellula?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email