Ominide 75 punti

Descrizione della carica di un amminoacido a seconda del ph della soluzione nel quale è immerso


Descrizione di un amminoacido a seconda del ph della soluzione in cui è immerso


Gli amminoacidi vedono la presenza di particolari proprietà che li caratterizzano e che sono evidenziate anche nel nome, dato che questi hanno un gruppo amminico (NH2) quindi basico, ed un gruppo acido, ossia il gruppo carbossilico (COOH), ed una particolare proprietà, è quella rappresentata dal punto isoelettrico (Pi), ossia un livello di ph al quale un amminoacido si trova nella sua forma betainica o zwitterionica, ossia con carica neutra. L'unico amminoacido che non vede la presenza della forma zwitterionica in corrispondenza del suo punto isoelettrico è l'Istidina, dato che questa nella sua catena laterale vede la presenza di un anello imidazolico, il quale ha forma neutra solo a ph=6.
Qui infatti avremo l’amminoacido con le cariche bilanciate dato che il Gruppo carbossilico avrà perso un protone, assumendo carica negativa, che verrà acquistato dal gruppo amminico che a sua volta assumerà carica positiva.
Ma se noi immergiamo questo amminoacido in una soluzione a ph maggiore o inferiore del suo Pi questo amminoacido assumerà comportamenti diversi
Con ph>Pi (basico)

Ora l’amminoacido assumerà carica negativa, dato che immerso in una soluzione basica e ricca di OH-questo tenderà ad acquistare un protone, e lo potrà acquistare solo dal gruppo amminico che ha un protone in eccesso, quindi se immerso in una soluzione per l’elettroforesi questo amminoacido tenderà a migrare verso il polo positivo.

Con ph<Pi (acido)

Ora L’amminoacido anzichè assumere carica negativa l’assume positiva, dato che l’acido ossia, lo ione idrogeno in cui è immerso l’amminoacido libera un H+ che sarà accolto dal carbossile stabilizzandone la carica, in tal modo il gruppo amminico positivo resta l’unico gruppo dell’amminoacido avente carica, e quindi tale amminoacido tenderà a migrare verso il polo negativo

Se noi abbaimo una miscela di amminoacidi, e vogliamo isolarne uno in particolare basterà porlo in una soluzione congrua con il suo punto isoelettrico in modo che questo resti nella sua forma betainica, e sottoporre la miscela all’elettroforesi di modo che tutti gli amminoacidi con carica, che sia positiva o negativa migrino verso uno dei due poli e il nostro amminoacido resti fermo separandolo dalla soluzione[/youtube]

Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email