Kanakin di Kanakin
Eliminato 1338 punti

TESSUTI EPITELIALI

Sono formati da cellule strettamente connesse, senza spazi tra l'una e l'altra e si dividono in epiteli di rivestimento ed epiteli ghiandolari. Gli epiteli di rivestimento ricoprono esternamente la superficie del corpo e tutte quelle cavità interne che sono in comunicazione con l'esterno (quelle non comunicanti con l'esterno, con il cuore e i vasi sanguigni, sono rivestite da un tessuto chiamato endotelio). Lo strato più esterno della pelle, il tessuto epiteliale più noto, è formato da epitelio pavimentoso stratificato, costituito cioè da molti strati di cellule.
Il tubo digerente (e, più precisamente, parte dell'esofago, lo stomaco e l'intestino) è ricoperto da epitelio cilindrico semplice, formato cioè da un solo strato di cellule, meno appiattite di quelle dell'epitelio pavimentoso. Le prime vie respiratorie (laringe, trachea e bronchi) sono ricoperte da epitelio vibratile, specializzato per la sua funzione, giacché le cellule sono dotate di un ciuffo di ciglia rivolte verso la cavità interna e immerse in una sostanza vischiosa che, muovendosi sempre verso l'alto, consentono all'apparato respiratorio di liberarsi dei corpi estranei, evitando che invadano i polmoni.

Gli epiteli ghiandolari costituiscono le ghiandole e sono specializzati nella produzione di sostanze necessarie all'organismo (deputate alla secrezione) o nell'eliminazione di sostanze di rifiuto, come per esempio il sudore (con funzione di escrezione). Una ghiandola, infatti, è una specie di canale rivestito di epitelio, di cui una parte secerne delle sostanze che vengono riversate all'esterno o in una cavità interna mediante un dotto escretore.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove