Video appunto: Occhio


L’occhio



L'occhio è un organo di senso specializzato, in grado di ricevere immagini visive che vengono poi trasportate al cervello. E’ come se fosse una macchina fotografica che riesce a captare l’immagine e trasferirla al cervello ciò che vede grazie a determinati elementi.
Gli occhi sono posizionati all’interno di cavità orbitali che sono presenti nel cranio.
Esso è composto da tre strati chiamati tuniche:
• Tunica esterna fibrosa, formata da cornea e sclera. Entrambe sono coperte da una mucosa trasparente chiamata congiuntiva;
• Tunica intermedia vascolare in cui troviamo l’iride, che rappresenta la parte colorata dell’occhio, il corpo ciliare e la coroide;
• Tunica interna, che ricopre la retina, una membrana irrorata da nasi sanguigni e cellule nervose sensibili alla luca.



Le altre parti dell'occhio



Le altre parti dell'occhio sono:
1. la cornea, di forma convessa e trasparente. Per funzionare perfettamente, deve essere trasparente ed avere una conformazione regolare, altrimenti non si ha una visione chiara. Rappresenta una delle parti più importanti dell’occhio.
2. Il cristallino si trova tra il corpo vitreo e la pupilla. Esso è una lente biconvessa trasparente che permette ai raggi solari di oltrepassarlo fino ad arrivare alle cellule nervose che convogliano ciò che hanno recepito al nervo ottico di entrambi gli occhi fino ad elaborare l’immagine vera e propria. Si parla di cataratta quando il cristallino non è più trasparente e quindi non è possibile vedere un’immagine nitida.
3. L’iride dell'occhio presenta una forma a disco con un foro centrale e si trova interposto tra cristallino e cornea. Esso dona la colorazione agli occhi.
4. La pupilla ha la funzione di regolare la quantità di luce necessaria per arrivare alla retina. Infatti in condizioni di assenza di luce essa si allarga, viceversa si restringe.
5. La retina va a rivestire il bulbo dell’occhio ed è la tunica neuro- vascolare dell’occhio.
6. La macula ha la funzione di rendere più nitida l’immagine. Essa è ricca di fotorecettori e di coni. I coni hanno la funzione di recepire la luce che andrà a distinguere i colori. Quando la macula subisce dei danni si parla di “maculopatia” ovvero le immagini vengono distorte e non si percepiscono bene i colori.
7. I due nervi ottici sono formati da più di 500.00 fibre che derivano dalla retina. Entrambi si incrociano formando il chiasma ottico fino ad arrivare alla corteccia occipitale. Quando si verifica il glaucoma si intende la perdita di funzionalità da parte delle fibre nervose e questo porta ad una graduale perdita della vista.
L’occhio è formato da cavità posteriore ed anteriore piene di umor acqueo, ovvero una sostanza liquida contenente ossigeno, proteine e glucosio e viene prodotto dal corpo ciliare. La cavità posteriore è piena di una sostanza trasparente e gelatinosa chiamata umor vitreo, formata da acqua, collagene e acido ialuronico.
Tra le altre strutture che compongono l’occhio troviamo: le ossa orbitali, le sopracciglia, le palpebre e le ciglia. Inoltre l’occhio deve contenere un buon strato di lacrime per permettere all’occhio un visione ottimale. E’ possibile che si verifichi la sindrome dell’occhio secco che può essere causato dall’invecchiamento, alterazioni ormonali, malattie, consumo di alcol e fumo, inquinamento ambientale, utilizzo di lenti a contatto o visionare a lungo schermi luminosi di dispositivi informatici.

A cura di Anny.