Video appunto: Miocardiocita

Miocardiocita



La cellula muscolare cardiaca è una cellula tendenzialmente cilindrica, con lunghezza di qualche centinaio di µm e un diametro attorno a 20/30 µm; la cellula è mononucleata, con nucleo al centro; presenta biforcazioni (indicate dalla freccia verde) che terminano con una superficie apparentemente liscia, piatta.
Queste superfici servono a creare una stretta adesione con altri miocardiociti; nel muscolo scheletrico ciascuna cellula è capace di percorrere l’intera lunghezza del muscolo terminando in prossimità del tendine; le cellule cardiache sono
invece decisamente più piccole e per formare il miocardio devono essere messe “in fila”, disponendosi in modo da far concordare le superfici lisce terminali. La biforcazione delle cellule crea una rete tridimensionale, necessaria per l’anatomia del cuore che non è un muscolo che si contrae linearmente, ma è una struttura complessa la cui contrazione porta alla riduzione di volume delle camere interne, per questo tipo di azione una rete tridimensionale di cellule che tutte insieme si contraggono, è più congrua rispetto alla presenza di cellule che accorciano il muscolo in maniera lineare. Attraverso un preparato di microscopia elettronica a trasmissione sono visibili i fasci di miofilamenti paralleli e suddivisi in sarcomeri, sono visibili le linee Z e le linee M; altra componente di grande rilievo nell’immagine è rappresentata dai mitocondri. Facendo