Ominide 3880 punti

Se si verifica la lesione di un vaso sanguigno il sistema circolatorio reagisce con tre meccanismi emostatici per bloccarne l'emorragia:
-aggregazione piastrinica:le piastrine che entrano in contatto con la parete danneggiata formano un grumo appiccicoso che aderisce alle fibre collage e della parete stessa riducendo il danno.
-vasocostrizione locale:le piastrine liberano sostanze chimiche che contraggono il vaso sanguigno all'inizio della lesione.
-coagulazione del sangue:una serie di enzimi chiamati fattori della coagulazione si attivano con un effetto a cascata formando un coagulo di sangue che aderisce alle piastrine. Alcuni vengono liberati dai tessuti,piastrine e sangue.
Esiste la possibilità che s creino dei coaguli in grado di ostruire le arterie bloccando l'afflusso di sangue a un organo vitale e ciò è detto trombo se si depositano nel luogo della formazione ed emboli se sono trasportati dal sangue alle arterie. Per contrastare ciò esistono nel plasma enzimi anticoagulanti chiamate plasmine che disgregano i coaguli attraverso un processo definito fibrinolisi.

Il plasma fuoriuscito dai capillari arteriosi viene preso in carico dal sistema linfatico ed arricchito di linfociti prende il nome di linfa. I capillari linfatici formano vasi linfatici che sono muniti di valvole che impediscono il reflusso e il più grande vaso linfatico è il dotto toracico.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email