Ominide 4472 punti

Differenza tra crampo e contrattura: il crampo è istantaneo e risolvibile da sé, dovuto a fatica, squilibri elettrolitici, al freddo etc; per contrattura invece si intende una contrazione dolorosa e reversibile solo dopo un po' di tempo, non controllata dalla trasmissione di impulsi nervosi, spesso dovuta ad uno stiramento o al malposizionamento di un arto, ma anche da sostanze come nel caso della contrattura da potassio o da caffeina (che agisce sui recettori della rianodina) in cui viene indotta la depolarizzazione delle fibre con il conseguente aumento del calcio intracellulare e l'innesco della contrazione.

Lo stretching consiste invece nello stiramento passivo dell'unità muscolo-tendinea allo scopo di modificare le caratteristiche viscoelastiche del connettivo rendendolo più lasso e facendo sì che la componente contrattile vada incontro ad una minore tensione.

La fatica muscolare insorge a diversi livelli (di tutti i componenti della superunità motoria): a livello del sistema nervoso (che riceve i segnali di fatica dell'apparato contrattile e risponde a sua volta con segnali inibitori per lo stesso), della placca motrice (si riduce l'Ach rilasciata) o del muscolo (in cui si avrà la riduzione della liberazione di calcio e della capacità di legarlo della troponina che invece sarà legata a ioni idrogeno) per via dell'accumulo di cataboliti (CO2, acido lattico, acido piruvico) e/o dall'esaurimento delle fonti energetiche.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove