Video appunto: Anatomia dell'apparato digerente dell'uomo

Anatomia dell'apparato digerente



I bambini sono affascinati dalle attività dell’apparato digerente: a loro piace sgranocchiare una patatina fritta, si divertono a farsi i «baffi» con il latte e ridacchiano quando il loro stomaco «brontola». Da adulti, sappiamo che un apparato digerente sano è essenziale per la salute perché trasforma il cibo nei materiali primari che costruiscono e alimentano le cellule del nostro corpo.
Specificamente, l’apparato digerente assume il cibo (lo ingerisce), lo demolisce fisicamente e chimicamente riducendolo a molecole nutritizie (lo digerisce), e assorbe le molecole nutritizie immettendole nel sangue circolante. Poi libera il corpo dai residui indigeriti (defecazione).

Gli organi dell’apparato digerente possono essere distinti in due gruppi principali: quelli che formano il canale alimentare e gli organi annessi all’apparato digerente. Il canale alimentare svolge l’intera sequenza delle funzioni digestive (ingestione, digestione, assorbimento e defecazione). Gli organi annessi (denti, lingua e diverse grosse ghiandole associate all’apparato digerente) contribuiscono in vari modi ai processi della digestione.

Il canale alimentare, o tratto gastrointestinale, è un tubo muscolare continuo, variamente ripiegato e internamente cavo, che decorre nella cavità ventrale del corpo ed è aperto a entrambe le estremità. Gli organi che lo compongono sono la bocca, la faringe, l’esofago, lo stomaco, X intestino tenue e X intestino crasso. L’intestino crasso sbocca nell’apertura terminale, l’ano. Il canale alimentare completamente disteso sarebbe lungo circa 9 metri, in realtà risulta più corto per la costante contrazione della muscolatura che lo costituisce.