Ominide 361 punti

Il linguaggio della pubblicità

Il messaggio pubblicitario ha lo scopo di richiamare l'attenzione del pubblico sul prodotto che si reclamizza e di persuadere il destinatario a comprare quel prodotto. Deve perciò essere accattivante e ricorrere all'immaginazione o al gioco. Le immagini sono attraenti, il linguaggio è perlopiù informale e spesso non rispetta volutamente le regole grammaticali, facendo uso di parole a effetto. Le parole e le immagini devono essere strettamente connesse.
Il linguaggio della pubblicità non è un linguaggio settoriale, bensì un puzzle di linguaggi. Infatti, oltre al linguaggio corrente, vi si trovano parole straniere, gergo e linguaggio figurato.
Gli espedienti più comuni usati dal linguaggio pubblicitario sono:

  • uso della rima;

  • Proverbi e modi di dire comuni trasferiti in situazioni diverse da quelle in cui sono nati e trasformati ad hoc;

  • Giochi di parole o di suoni;

  • Presentazione semplice del prodotto: spesso si utilizzano immagini in bianco e nero senza testo;

  • Esagerazioni;

  • Stravaganze fonetiche e grammaticali;

  • Parole straniere;

  • Neologismi;

  • Espressioni inusuali;

  • Lo stile del testo che accompagna di solito lo slogan è diverso a seconda della fascia di utenti a cui è destinato.
    Gli stili più ricorrenti sono:
  • linguaggio tecnico, che richiama la serietà e la professionalità del produttore;

  • Linguaggio comune, accessibile a tutti;

  • Linguaggio ricercato e curato, che conferisce prestigio al prodotto reclamizzato.

  • Il testo, insieme alle immagini, mira a far leva su meccanismi psicologici inconsci dell'uomo e cerca di colpire il potenziale acquirente nei sentimenti e negli affetti.

    Hai bisogno di aiuto in Telecomunicazioni?
    Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
    Registrati via email