Ominide 47 punti

La prova di resilienza


La resilienza è la capacità di un materiale di sopportare urti o sforzi applicati bruscamente. Fornisce un indice di tenacità del materiale.
Tenacità del materiale: Un materiale è tenace quando ha una buona resilienza, una buona resistenza a trazione e un buon allungamento.
Misura della resilienza: Il materiale sotto esame viene sottoposto ad un urto ottenendone una rottura per flessione. L’energia assorbita viene misurata e diventa la resilienza del materiale.
Provetta: Viene costruita/lavorata una provetta del materiale da testare e ve ne sono tre tipi:
1. Con intaglio a “V”
2. Con intaglio a “buco di chiave”
3. Con intaglio a “U”

Pendolo di Charpy


La prova di resilienza viene condotta con la macchina “Pendolo di Charpy” composta da una mazza imperniata che viene fatta cadere sul provino.
FASE 1: La mazza viene issata ad una determinata quota. Si legge il valore H della quota. ( di solito H=150 centimetri)
FASE 2: Si posiziona il provino con l’intaglio alla parte opposta al lato dell’urto.
FASE 3: Viene sganciata la mazza che procede all’urto.
Mazza del pendolo di Charpy = 20 Chilogrammi.
Energia prima dell’urto: Energia potenziale = m *g*h
Energia dopo l’urto = m*g*h
Energia asssorbita dal provino = m*g*(H-h) = Costituisce la resilienza del materiale in Joule.
Hai bisogno di aiuto in Meccanica e macchine?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email