Proprietà chimiche - strutturali

Le proprietà chimiche - strutturali riguardano la composizione chimica e la loro struttura interna; anche la corrosione e l’ossidazione sono proprietà chimiche. I metalli non sono perfettamente omogenei e isotopi (è un materiale che presenta le stesse proprietà in tutte le direzioni).

Tipi di reticolo e celle

La maggior parte dei materiali cristallizzano secondo tre celle elementari:
-Cella cubica a corpo centrato (9 atomi, uno su ciascuno degli otto vertici di un cubo e uno al centro): è un materiale più duro, come ad esempio tungsteno, molibdeno e ferro alfa.
-Cella cubica a facce centrate (14 atomi, uno su ciascuno degli otto vertici di un cubo e uno al centro di ciascuna delle sei facce): è caratteristico dei metalli duttili, malleabili, buoni conduttori di calore e di elettricità, come ad esempio rame, oro e argento.
-Cella esagonale compatta (17 atomi, 14 disposti in modo da formare con i loro centri un prisma esagonale e tre all’interno del prisma): è caratteristico dei materiali fragili, come ad esempio magnesio e zinco.

Proprietà fisiche

Le proprietà fisiche si riferiscono alle caratteristiche generali dei materiali in relazione agli agenti esterni.
-Temperatura di fusione: è quella temperatura che comporta il passaggio dallo stato solido a quello liquido.
-Massa volumica: è il rapporto tra massa e volume.
P= Massa/Volume

-Calore specifico: è la quantità di calore che occorre fornire all’unità di massa di una certa sostanza per elevare la temperatura di un grado centigrado.
C= Q/((T2-T1)∙m)

-Dilatazione termica: esprime l’aumento di lunghezza che subisce il materiale per effetto di una variazione di temperatura.
λ= ∆L/(L0 ∙ ∆T
Hai bisogno di aiuto in Meccanica e macchine?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email