Ominide 1747 punti

Le onde sismiche

Le onde elastiche dei terremoti provocano una deformazione dinamica dei materiali che attraversano perché dopo il loro passaggio ogni volume di roccia riacquista la sua forma originaria. Ci sono tre tipi di onde:

Onde P: sono le più veloci (da 4 a 8 km/m) e sono dette onde longitudinali perché deformano i materiali nello stesso senso della loro propagazione, causando una variazione di volume con una compressione e una dilatazione. Le onde P si propagano nei solidi, nei liquidi e nei gas. Modificano bruscamente la loro direzione quando all'interno della terra incontrano una superficie di discontinuità.

Onde S: hanno una velocità dai 2,3 ai 4,6 km/h e sono dette onde trasversali perché hanno un senso trasversale rispetto alla direzione di propagazione e producono una variazione di forma ma non di volume. Si propagano solo nei solidi.

Quando le Onde P e le Onde S raggiungono la superficie terrestre allora comincia a propagarsi concentricamente un'onda superficiale più lenta. Viaggiano ad una velocità di 3,5 km/h e sono dette onde superficiali. I due tipi principali sono:

Onde R: Le onde di Rayleigh assomigliano a quelle che si propagano quando un sasso viene lanciato in uno stagno. Esse fanno vibrare il terreno secondo orbite ellittiche e retrograde rispetto alla direzione di propagazione dell'onda.

Onde L: Le onde di Love fanno vibrare il terreno sul piano orizzontale. Il loro movimento è trasversale e orizzontale rispetto alla direzione di propagazione delle onde.

Hai bisogno di aiuto in Geologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove