Skreech di Skreech
Ominide 149 punti

BIODIVERSITA'

La biodiversità è un termine che possiede un duplice significato. In primo luogo può indicare la variabilità che coesiste tra gli esseri umani. In secondo luogo può essere considerata come l'insieme delle specie che abitano in un habitat di una determinata fascia della Terra.
La biodiversità è fondamentale, poiché assicura l'esistenza di geni diversi che attraverso il loro adattamento nell'habitat e attraverso la loro evoluzione contribuiscono alla salute del pianeta. Molti geni, infatti, sono in grado di assorbire anidride carbonica ed emanare ossigeno. Quando poi il clima cambia, l'organismo è costretto nuovamente ad adattarsi e quindi ad evolversi nuovamente.
Negli ultimi decenni però l'opera dell'uomo ha accelerato il tasso naturale di estinzione delle specie da cento a mille volte rispetto a quello naturale. Le cause sono da ricercare nell'inquinamento causato dall'uomo, dall'introduzione di specie estranee che hanno cambiato le abitudini di vita, dall'aumento dei consumi derivato dall'aumento della richiesta di beni. Inoltre molte specie sono state uccise per i fini dell'abbigliamento o per la difesa dei territori. Secondo la IUCN sono a rischio di estinzione circa 1/4 dei mammiferi e 1/3 degli anfibi. Le conseguenze sono appunto la perdita di biodiversità e la distruzione di alcuni ecosistemi. Una risorsa indispensabile per la vita dell'uomo sulla terra è costituita dalle foreste per i seguenti motivi:

- l'assorbimento di anidride carbonica;
-producono ossigeno
- Il loro uso per la produzione di legname;
- La protezione del suolo.
Le foreste costituiscono 1/3 delle terre emerse e si trovano nei Paesi più ricchi come Canada, Stati Uniti , Russia e anche in Brasile e in altri Stati dell'America latina. Ogni anno purtroppo vengono distrutti 13 milioni di ettari allo scopo d'allevamento. Negli ultimi anni si è riusciti a ridurre questo numero a otto milioni di ettari grazie a operazioni di rimboscamento.
Le foreste che attualmente non sono modificate vengono dette primarie. Negli ultimi decenni l'uomo ha ridotto notevolmente la quantità di foreste per le sue opere. Ciò ha riguardato soprattutto le foreste pluviali. Si calcola che nel 1950 vi fossero il 15% di foreste pluviali, mentre ora ve ne è la metà.
Oltre alle foreste, un ambiente naturale notevolmente a rischio è costituito dagli oceani. Essi, infatti, sono sottoposti continuamente a minacce, come : la pesca eccessiva, l'inquinamento, la distruzione degli ambienti. Per quanto riguarda la pesca eccessiva la causa è da ricercarsi nell'aumento della popolazione. Ora vengono pescate 120 milioni di tonnellate di pesce in confronto alle venti di cinquanta anni fa. Inoltre secondo la FAO circa 1/4 del pescato sovrasfruttato è a rischio di estinzione. Inoltre a causa della pesca a strascico si evidenza la distruzione di notevoli fondali marini.

Hai bisogno di aiuto in Geologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità