Isteresi magnetica


H= (N ∙I)/l

Il ciclo di isteresi rappresenta la variazione dell’induzione magnetica al variare del campo magnetico; infatti il campo magnetico è prodotto dalla corrente alternata e di conseguenza ne segue l’andamento nel tempo. Dalla rappresentazione grafica si potrà notare che il ciclo di isteresi non è rappresentato da una curva, ma bensì da una linea chiusa che raccoglie una certa superficie. Tale superficie rappresenta un’energia persa e pertanto più piccola è più si riducono le perdite e, di conseguenza, contribuisce ad ottenere un rendimento migliore della macchina. Il valore B_r rappresenta l’induzione magnetica residua, ovvero rappresenta il campo magnetico che permane su un pezzo di ferro quando questo è stato immerso in un campo magnetico. Per esempio se avviciniamo la parte metallica di un cacciavite ad un magnete permanente, questo cacciavite sarà in grado di attirare a se piccoli pezzettini di ferro.
Per annullare l’induzione residua B_r, bisogna applicare un particolare valore di campo magnetico e tale valore viene chiamato campo magnetico coercitivo. I costruttori tendono a utilizzare circuiti ferromagnetici a basse perdite magnetiche sempre allo scopo di aumentare il rendimento globale delle macchine elettriche.
Un parametro che rappresenta la bontà di un circuito magnetico è la cifra di perdita che rappresenta la potenza persa per ogni Kg di materiale ferromagnetico ed è espressa tramite la formula:
Cs= (Potenza Persa)/Kg [W/Kg]
Hai bisogno di aiuto in Elettrotecnica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email