Gio198 di Gio198
Ominide 11 punti

I differenziali sono comunemente utilizzati in tutto il mondo per garantire un'elevata sicurezza nell'utilizzo delle apparecchiature elettriche. Non è chiaro da chi sia stato realizzato, ma sappiamo di certo che è apparso sul mercato italiano negli anni 50 ed è stato inizialmente utilizzato da alcune compagnie per combattere il furto di energia grazie all'utilizzo di correnti tra fase e terra anziché di fase-neutro.
Successivamente gli interruttori differenziali sono stati adottati per proteggere le persone dalle scosse elettriche.
Comunemente chiamato SALVAVITA, il differenziale è un dispositivo indispensabile per le nostre abitazioni o locali in cui lavoriamo. Il suo compito è quello di riconoscere l'eventuale dispersione di corrente.
Nelle funzioni normali di funzionamento le correnti entranti nel differenziale devono essere uguali dalle correnti uscenti.

Nel caso di contatto diretto con il corpo umano, che fa da conduttore elettrico non isolato, si crea un passaggio di corrente fra il circuito e la terra, che non ritorna attraverso il differenziale , la corrente che attraversa il corpo umano è di fatto una dispersione.
Si possono avere due tipi di contatti: diretto e indiretto.
Il contatto diretto, si verifica quando si viene a contatto con una parte normalmente sotto tensione dell'impianto, ad esempio dei cavi scoperti.
In questo caso il soggetto che viene a contatto con queste parti in tensione civili o industriali (230v, 400v) sono molte pericolose.
Mentre per il contatto indiretto avviene quando si toccano parti conduttrici di componenti elettriche che possono assumere un potenziale diverso da zero in seguito ad un guasto d'isolamento, ad esempio la carcassa di un motore oppure di un elettrodomestico

Hai bisogno di aiuto in Elettrotecnica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove