melaisa di melaisa
Ominide 2160 punti

L'induzione magnetica

Nell’elettrostatica, un conduttore può essere elettricamente caricato per induzione. Anche nel magnetismo avviene un fenomeno analogo, denominato induzione magnetica.
Esperimento: poni una barretta di ferro entro il campo magnetico generato da una calamita, cioè entro la sua zona di influenza e spargi sopra un po di limatura di ferro. Osserva che a limatura di ferro viene attratta dalle estremità della barretta: la barretta perciò si comporta come un magnete. Quando però, si toglie la calamita, la barretta non attira più la limatura, e cessa quindi di essere un magnete.
Le sostanze magnetiche, poste nel campo magnetico di una calamita, si magnetizzano per induzione magnetica: la calamita è il magnete induttore; la barretta di ferro è il magnete indotto.
Se ripeti l’esperimento usando una barretta d’acciaio, noti che questa conserva il potere di attrarre la limatura anche se, dopo un opportuno intervallo di tempo, viene allontanata la calamita. Esistono perciò due specie di corpi magnetici: quelli permanenti che mantengono le proprietà magnetiche anche dopo la magnetizzazione per induzione; e quelli temporanei che perdono tali proprietà quando sono tolti dal campo magnetico.
Puoi completare l’esperimento descritto avvicinando un ago magnetico alla barretta di ferro dolce o d’acciaio. Noterai che, per induzione, si forma nella barretta un polo di nome contrario a quello della calamita nella sua estremità più vicina, e un polo dello stesso nome nella sua estremità più lontanta.
Hai bisogno di aiuto in Elettronica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email