Genius 7419 punti

Peppe: Buonasera, buonasera a voi gentilissimo pubblico, noi siamo Kazzimbocchi, io sono Peppe e…..
Roberto: Ma jammucenne
Peppe: Noi siamo qui stasera per fare del cabaret, premettiamo che è da poco che ci cimentiamo con questa forma artisica
Roberto: appunto iammucenne, nun facimm’ figure e merd’, … perlomeno ce paven?
Peppe: No!
Roberto: Nun ce paven, 1 facimm’ na figur e merd, 2 nun ce paven, cioè 1 nun ce paven e poi due facimm…. Pecchè ce pavasser a figur e merd a facess’ pure, e ja jammuncemm
Peppe: Il pezzo che vi andiamo a presentare è di stampo teatrale, per cui richiede la massima attenzione
Roberto: ma nun bir ca nun se ne fotten propr, iammuncenn’, Grazie lo stesso…..
Peppe: Ma prima di cominciare volevamo presentarci io sono come ho detto Peppe
Roberto: (che durante la scena precedente avra tenuto a bada l’ estrosità di Francesco) Buonasera io sono Eustorgio

Peppe e Francesco: Chi si tu?
Roberto: Eustorgio, è il mio nome d’arte accussi quand’ se sparg a voce ra figur e merd e stasera io dica ca nun ero io ca a capodanno steva alle maldive e m’ appar
Francesco: (facendosi notare) Dai dicci il tuo vero nome.
Roberto: Oì comm’ fa, me da fastidio, vabbe io sono Roberto, ma staser nun bulev venì, io sto dalla vostra parte, quindi quann’ menat e carccioffole gentilmente mirate a chest ata parte
Francesco: (c.s.) E si e buonasera sono Francesco!
Roberto: Oi loc oì tagg’ itt, a me me da fastidio, ma che te sbatt
Peppe: Tu hai ragion , ma nun e fa accussi pecche si no chist ossai comm’è se piglia collera
Roberto: e ma fa sti introduzione ca chi sa a gent che s’ aspetta? dice chi sa mò chist che fann’?
Peppe: va bene, va bene allora dicevamo noi da poco ci siamo gettati in questa esperienza nuova del cabaret, ma attenzione noi non siamo scevri, non siamo scevri…..
Francesco: non siamo scemi no!
Peppe: dicevo non siamo scevri, privi di esperienza nel campo dello spettacolo, infatti noi veniamo dal teatro passando per la televisione,
Roberto: ma mo te mitt pure tu, chi sa po a gent che s’ aspetta
Peppe: è stata infatti la nostra esperienza televisa a condurci su questo palco, perché voi dovete sapere , che noi abbiamo fatto televisione ad altissimi livelli
Roberto: Ma c’ amm fatt ?
Peppe: amm’ fatt televisione nuie?
Francesco: Amm’ fatt, amm’ fatt
Roberto: Fallo sta ferm a chist
Peppe: Stai fermo, dicevo spesso la gente passa dal cabaret alla televisione noi siamo passati dalla televisione al cabaret, perché voi vi chiederete, perché , noi in televisione facevamo un pezzo
Roberto: impegnato!
Peppe: un pezzo sì anche abbastanza impegnato, il pezzo del vibropanz, noi in pratica cercavamo di vendere questi vibropanz, non so se li avete mai visti, sono queste fasce elastiche per dimagrire, ma purtroppo, non abbiamo venduto neanche un vibropanz perché la gente invece di gurdare il prodotto, guardav a niue e se mettev a rider
Roberto: nuie praticamente facevem figur e merd un’ appriess a’nat
Peppe: e quindi di coseguenza c’ amm’ ittat ncopp’ a stu cabaret, ora però ma ta dà na soddisfazione(intanto Roberto guardando il pubblico addita i tipi più massicci paventando il pericolo di una bastonatura) ata verè stu piezz ro vibropanz e mata dicer si nuie sti vibropanz e putevem venner o no, il pezzo era più o meno questo:
Roberto: Buonasera gentili amici dalla vostra emittente preferita sono…..io il vosto gingerino con il nostro marchi vibropanz, che di nuovo entra nelle vostre case per presentarvi questo prodotto della moderna tecnologia, davvero…..e….buono, bel prodotto che consente di dimagrire in una maniera …. Esagerata, allora stavo dicendo, basta basta con quelle pance schifose, quel lardo che in costume davvero non si può andare a mare perché è una cosa brutta e…. brutto proprio ora che ci stiamo avvicinando all’ estate… Giuggiolo’ quant’ navimm’ogg
Francesco: 1 Gennaio
Roberto: Va buo ce vo tiemp, quindi Giuggiolone amico simpaticissimo, spieghiamo che cos’è questa meravigliosa macchina che per me ormai è diventata così familiare perché ormai io ne sto vendendo tantissime, questo vibromassaggiatore che cos'è praticamente questo aggeggio provoca questo leggero tremolio adiposo (facendo il solletico a Francesco)sull’ addome del malcapitato, della persona che si sottopone al trattamento, vedete ci sono innumerevoli fasce capaci di lavorare, massaggiare in modi diversi a seconda dell’ uso che se ne vuole fare.
Peppe: Attenzione le telefonate salgono a 10
Roberto: Benissimo, quante ne abbia ancora a disposizione?
Peppe: Altre 3490
Roberto: Ah ma che ore so’ i me ne aggia i, vabbene e… regia putissev chiammà a mia moglie ce dicite ca stasera faccio tarde….Allora chiamate chiamate chiamate, perché il vibromassaggiatore ha un cuore, il vibromassaggiatore vuole entrare nelle vostre case, vedete come abbraccia il nostro Giuggiolone, allora Giuggiolone come và?
Francesco: Benissimo
Roberto: vogliamo dire al nostro meraviglioso pubblico quanto sei dimagrito in un anno utilizzando il nosto vibropanz?
Francesco: E l’anno scorso pesavo esattamente 140 Kg
Roberto: Pensate signori che schifo, io in fatti ho voluto adottare questo ragazzo ed oggi posso affermare che Giuggiolone pesa…
Francesco: esattamente 139 Kg e mezzo( intanto spegne l’ apparecchio e continua a vibrare)
Roberto: spaccimm’ giuggiolo ma che te magn’, Benissimo, ma continua a vibrare come un porco, allora Giuggiolo’, come ti trovi ti stai trovando bene sei orgoglioso….
Francesco: e che devo di’ so tre ann’ ca sto ca ‘ncopp e nun c’ a faccio chiù a gent’ me rir aret e e criature me tiran e cuppetiell’ ncopp e recchie, teng vint’ ann e gia teng’ o morb e Parkinson ca mio nonno me sfott’ addirittura e nun me fann’ sagli’ ncopp e tramm perche ascimm’ fore re binarie
Roberto: E si, va bene, regia ora.
Peppe: Vogliamo illustrare la dieta da accoppiare al vibromassaggiatore.
Roberto: e che mangi tu Giuggiolone, io penso che utilizzando un macchinario del genere mangerai sicuramente per aiutare il lavoro dell’ aggeggio cosi: yogurt, formaggino
Francesco: antipasto, antipasto, come antipasto uno yogurt o un formaggino,poi duie spaghett’ che tracchiulell, tre quart e call’ e trippa ca sarz, peperoni ripieni, e per finire 4 budini e 3 caffè(intanto Roberto commenta ogni portata tirando al ribasso).
Roberto: Durante la settimana scorsa questo hai mangiato, quindi insomma si può….
Francesco: Noo o oggi a pranzo!
Roberto: Benissimo, quindi vedete funziona senza il bisogno di sacrificarvi con diete fastidiose
Peppe: Attenzione un'altra telefonata.
Roberto: Benissimo un altro cliente..
Peppe: No era a mamma e Giuggiolone vo sape’ quanta pasta adda ittà
Roberto: e va be’ non mi sembra il caso…
Francesco: Il solito mezzo chilo
Roberto: Ma per concludere io direi di fare un’ ultima domanda a Giuggiolone , Giuggiolone i tuoi rapporti con l’ altro sesso, con le ragazze è migliorato grazie all’ utilizzo del vibropanz…
Francesco: Si, si devo dire che il vibropanz mi ha aiutato in questo campo
infatti ora a chi mi fa questa domanda rispondo che riguardo alle ragazze:
ce vonn’ e pezz’ nfronte.
Roberto: ok regia allora possiamo chiudere
Peppe: Si certo chiudiamo siamo arrivati oggi a 461 telefonate.
Roberto: 461, quindi ne hanno acquistati 461?
Peppe: No ho detto 461 telefonate
Roberto: e che bulevan?
Peppe. avevan sbagliat nummero.
Peppe: ebbè questo era il vibropanz, il pezzo che ha stroncato la nostra carriera televisiva, ma a che serve rimuginare sul passato ora siamo qui e siamo lieti d’ esserlo e andiamo a presentarvi il pezzo che abbiamo preparato che è davvero spassoso, (vedendo rientrare Roberto) uè dicevo è bello il pezzo che abbiamo preparato?
Roberto: è bello, è bello , è na cacat
Peppe: (vedendo sopraggiungere Francesco) uè olloc ì …
Francesco: Papà, papà, papà
Peppe: è mio figlio.
Francesco: Papà ce ne jamm, uh quanta gente, CIAO, ce ne jamm ià
Peppe: Si mò papà fa un attimo il pezzo di cabaret e ce ne andiamo
Francesco: Fai cabaret, fai cabaret, questi qua fanno cabaret… Prrrrrrr (soffiandosi il naso), papà aggia fa pipì
Peppe: e va bè e poi fai ah
Francesco: no aggia fa pipi mò, ia papà jammuncenne
Peppe: e ma non puoi fare pipì qua
Francesco: ma io aggia fa pipì. Pozz’ fa ca sto annascus
Peppe: non puoi fare pipì qua.
Francesco: (al pubblico) Pozz’ fa pipì? Ahhhh! Agg’ fatt’
Roberto: chist si ven o proprietario lo locale c’ accir pure
Peppe: e va buo è criatur….
Francesco: papà, papà, papà ma pozz luavà a scarp me fa mal o call’?
Peppe: e nun tà può levà , ma guard quanta gent….
Francesco: e ja nun fa nient, ma pozz, levà?
Peppe: No!
Francesco: me l’ agg levat sient, sient
Roberto: ma che schifo, ma pecchè no chiud’ ‘nto bagn
Peppe: No chell’ è mamm’ l’ ha educato malamente, ce fa fa tutt cos ….a proposito bebè dove sta mamma?
Francesco: Sta co’ zio!!!
Peppe: O zio?AHHHHH zio Raffaele?
Francesco: No, no chillu zio ca se fa semp a doccia cu mamma e ca m’ accatt semp o ciupa ciups….
Peppe: (sdrammatizzando) no!!! Chill’ è zii Rafele ,mo amm’ fatt o cenone assieme , c’ amm divertit assai!
Francesco: (intanto Roberto fa il segno delle corna) Nooooo!!! Nun è zii Rafele è chillu zio ca ven semp quann tu nun ce stai e dice semp a mamma quant si bona
Peppe: ( c.s.) E’ la televisione, sti criature guardano troppa televisione.. tutt sti telenovelas…..
Francesco: e ja papà vien’ cu mè jamm’ ncopp’ e giostr
Roberto: e si a Papà mo andiamo così vediamo pure dove sta chella zoccc…. Di mamma
Francesco: (starnuto)
Peppe: e oì c’ ha il raffreddore è periodo!
Francesco: Tien o fazzulettin e carta ?
Peppe: no non ce l’ ho il fazzolettino di carta.
Francesco: e ja comm’ facc cà
Roberto: come si chiama, come si chiama questo bambino
Peppe: Bebè se chiamm’
Roberto: Bebè vuoi fare il bravo bambino o no!
Francesco: e o tien o fazzulettin e cart?
Roberto: no non cel’ho il fazzolettino
Francesco: (pulendosi sulla giacca di Roberto)e tiè agg’ fat!
Roberto: e bebè fai schif propr, ‘ncopp a giacca nova!!!
Peppe: e va buò è criatur, ja bebe mò bast vien ca papà te port aro stann’ e giocattol.
Francesco: Che bello papà jammuncenn a cà
Roberto: (rimasto solo) ma io ne support sti criature accussì, o figlio mio: co figlio mio uso un modello pedagogico americano, no facci aizà a ‘nto liett, , comm’saiz pom na bott a ncap o facc’ addurmi pe nati tre ore, passe e jurnate ‘nto liett però, nun risponn, eh e pecchè o sape, so fatt’ accussi, so violent, pecche a gent’ l’ aggia piglià dal lato che se merit, cioè….. so fatt accussì,la gente quando sta vicino a me deve parlare in una maniera proprio….bene, comunque io so aggressivo, infatti pure mia moglie mo dice “tu e sta nu poc chiù tranquillo pure per il cuore ormai tieni n’età”ma invece no! Io m’arrabbio e ce chiave nu pacchero pur ‘a essa “ma no nun è a fa accussì” pom l’ accire propr,l’ atu juorne steve cammennann miez a via verett a uno ca me guardav stuort, ce chiavai na gomitat maronna mia e co facett, po m’ addunaje che era strabico! io so’ fatt’ accussì so irruente a’ gente risponn’: e io mett e mane ncuoll pecchè maggià fa rispetta,poi ci stanno certe persone in particolare ca scippen ‘e mazzat a ‘nte mane, uno di questi è un certo don Pelleccchia, n’ omme e niente, sapite chelli persone arroganti, ca sann tutt cose loro, solo loro fann buon, pecchè nun mo dicite a me, mo bbech io, infatti ‘nto palazz ‘o chiammamm “mo bec io”, l’ altro giorno io steva aspettann l’ ascensore, arriva on Pelleccchia pe forza me vò ra chella man che è semp’ surata, molla, po’ fet e comm fet, a casa ma chr’è nu giardino zoologico sta chin r’ animal, comunque l’altro giorno venette e me vuleva dà a parlà pe’ forza, io da poco mi sono comprato una macchina, un utilitaria pe’ mia moglie, vene on Pellecchia che io già sapevo dove voleva andare a parare, e fa: ma vi siete comprato la macchina, di che anno è … v’ho dich’ io a vui del novanta ho visto targa Na U” e si, si on Pelle’ è del 90, poi voleva sapere un sacco di cose sulla macchina… “e queste sono macchine che durano, fann’ nu sacc e chilometri”, me facett na capa tanta, già me pareva stran ca nun era ritt ancora ,”ma si mo dicevev a me” quann abbiai a parlà ro genero ahee!! “no pecchè mio gener che sta fa importa macchine dall’ estero, proprio l’ altro giorno oì m’è capitat pe man na machina lo stesso modello vostro,bellissima del 94 catalitica, ma a voi è tre porte?” e tre porte “quella era 5 porte, e che antifuro c’ha?” no non ce l’ ha l’ antifurto “ a chest tenev pure l’ antifurto, alzacristalli elettrici avanti e dietro” –ma che era supercar-, senonchè pensai mò l’unico modo pe me scapputtà la domanda fatidica e farmela a piedi e accussi facette…. e ma iss nun se rassignai , venett aret a me e tra il terzo e il quarto piano approffittando di un mio momento di sbandamento, semp pe stu fatt ra puzz, dicett: “e no pe sapè e fatt’ vuost’ ma sta machin quanto l’ ate pavate” e ch’ era ricer, si diceva 6.100.000 chill’ me faceva na risata ‘nfaccia e po l’ aveva solo vatter, iniziai ad andare in crisi a surà, già mia moglie a quann’ c’ agg’ itt o prezz me fa rummì ‘ ncopp o divan, alla fine dicett’ quatt’ milion…”uhhh quatt’ milion, chell’ e mio genero steva 3.800.000” e va buò pe duicient mila lire “no ma a me ma faceva 3.000.000”, ma i po’ vuless sapè si tutti sti cose so over, pecchè nun è possibile ogni cos’ c’ accatt, iss a pav chiù poc, per non farvela lunga l’ ata sera io già steva col dente avvelenato steve chiammann’ a mia moglie da giù al palazzo: Carmela, Carmela, Carmela mocc a chit’è viecch’, pecchè po me sfastere pur e aspettà sempre pè stu carattere irrequieto ca tengo: quann scenn o signor Pellecchia che pantofole ‘o pere, l’aggi semp schifat’ o signor Pellecchia, comunque venett’ vicin a me, ma che stai facenn io aggia rummì, ma pecchè nte ne vai a fa … vicin’ a me stev spustann’ ca vocc vicin’ a me ma nce verett’ chiù o nturzai e mazzat, bum bum bum bum bum tantie chilli cavec e capaton propr bum, me facett pen ja!
Francesco: (sale sul palco battendo le mani)
Roberto: ma chi è
Francesco: bravo, bravo
Roberto: vuè don Pellecchia carissimo, come mai da queste parti…
Francesco: stai facenn’ cabaret, tu si omm e cabaret
Roberto: arrotondiamo, pecchè o fatt cann aumentat o condominio
Francesco: bravo, bravo
Roberto: a proposito è venut l’ amministratore a casa vost’
Francesco: mo’ nun me ne fott e l’ amministratore
Roberto: ce stann’ propr accerenn è
Francesco: Comuque si mo dicive a me ca faciv cabaret te facev’i a
Canale 5
Roberto: e olloc’ oi chest è n’ata pall, ovverit commè, ne dic una aropp a n’ata.( Ride)
Francesco: e pecchè io so strettissimo amico e Maurizio Costanzo show.
Roberto: Si si, va buò e io so amico e Mi manda Lubrano!!!
Francesco: Comunque basta, primm’ che itt il signor Pellecchia, che fatt? (alterandosi vistosamente)
Roberto: il Signor Pellecchia ,mamma mia il signor Pellecchia è n’ amicone
Francesco: Tu primm’ che itt, a parte che rump sempre a chiammà a gente e tre a notte, io aggia sta cuieto a casa mia, cos’hai fatto sono venuto, on Pellecchia feta
Roberto: No!! Chi fete? No on Pellè ma che stat dicenn’, io stavo appunto dicendo io debbo tutto al signor Pellecchia, perché è stato il mio primo ammiratore, ve ricurdate quann…
Francesco: No tu che itt, me buffat ‘e paliat? Me buffate ‘e paliate?
Roberto: No on Pelle’ n’ aggi’itt chest!!! Luavatem a cchist a sott ‘e mane si no facci ‘na carneficina! Purtatavill!
Francesco: e no! Mo tu e dicer a verità, pecchè Pellecchià è un uomo che non si è mai fatto mettere i piedi in testa.
Roberto: ma on Pellecchia servo vostro!
Francesco: no mo lè a dicer, dice a verità (tirandogli le orecchie)
Roberto: On Pelle’ lasciate sta e recchie aggi avut gli orecchioni, chiammatavill si no stasera pass o guaio, stasera pass o guaio
Francesco: Uèèèè!!!
Roberto: (ribellandosi) on Pelle’ ma che bulit? (c’è un battibecco in cui Roberto attacca e si difende alternatamente finchè…)
Roberto: sicurezza, sicurezza! St’omm’ e niente! AHHHHH ! SicurezzA!
Peppe: uè ma che succede qua!
Roberto: uè e vo chiammat a chist ma r’o è asciut , st’omm e nient
Francesco: Uè,Uè
Roberto: No,No, mannaggia a miseria,
Peppe: ma ch’rè ma che succiess?
Roberto: ma chist, ven vicin a me … AHHHH statt’ ferm …è chiù fort e me…
Peppe: Uè mo basta! Dicitem ch’è succiess! Qui non si può fare confusione siamo in un locale pubblico!
Roberto: Ahhh! E ce l’ agg’itt… voi siete del locale?
Peppe: Si sono la Sicurezza
Roberto: Signor Sicurezza… menumale ca ce stat vuie io pure sto lavorando per il locale , io faccio parte dei cazzimbocchi, il gruppo di cabaret… qua il signor Pellecchia me zzumpat ‘ncuoll
Peppe: Il signor Pellecchia?
Roberto: Eehh il signor Pellecchia o verit cà
Peppe: Il signor Salvatore Pellecchia?
Francesco: Per servirvi!
Peppe: l’amico e Maurizio Costanzo!!mannaggia a miseria il signore è amico stretto di Maurizio Costanzo! Signor Pellecchia so Giggin, ‘o cainate Rafele call’ e tripp, io vaggia ringrazià pe chillu post ca te fatt’ truvà a mio figlio nta Mediaset….
Francesco: Va buò e nient è nient….
Peppe: Ma che niente… io vi sono debitore e po’ chella machina ca ma procurato vostro cognato un gioiellino ringraziat pur a iss da parte mia…. Ma che bo o signor cà’ a vuie?
Francesco: Ma chi? Stu ‘nfame…. sta parlann male e me o verit fa cabaret infangando il buon nome ‘ra gent.
Peppe: Uèè ma comm ve permettit?
Roberto: No ma io nun stev facenn niente e iss stu pover’ omm…per cortesia portatelo fuori.
Peppe: Pover’ omm il signor Pellecchia ma mo ve facc verè io …(lo inziano a percutere ed escono)
Peppe: (Rientrando seguito da Francesco ed osservando Roberto a terra esanime) uè ma che fai là ‘nterr? Nun tien genie e fa nient è? Appena lo lasci un minuto solo se cocca, Uè aizet…
Roberto: (Alzandosi e ritrovando le forze) No steve facenn ginnastica, mi devo tenere in esercizio……
Peppe: eeeh a proposito niue amm’ pigliato una decisione il pezzo di cabaret non si fa più!
Roberto: vuagliù ma veramente facit!
Peppe: Si c’amm penzat nun se po fa ‘o cabaret.
Roberto: c’è penzat’è …e pur io stev penzann a stessa cosa mentre abbuscav…..mentre facev ginnastica…..
Peppe: Quindi chiediamo un applauso a questo gentilissimo punto per il disturbo arrecato…..
Roberto: a proposito sapit arò sta l’uscite e sicurezzà? Stann nu par e person ca nun vuless verè……
Peppe: allà
Roberto: e jammucenn facimm’ ampress

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email