Ominide 1957 punti

Il microscopio


Il microscopio è lo strumento grazie al quale, nel campo scientifico, sono avvenute molte importanti scoperte a livello microscopico.
Per esempio all'uso del microscopio è legata la scoperta dell'organizzazione cellulare degli organismi viventi.

Dal rudimentale microscopio dell'inventore Hooke si è arrivato fino ai microscopi ottici e ai microscopi elettronici di oggigiorno.

Le parti principali di un microscopio sono:
- la base, che serve da appoggio per il microscopio;
- lo specchietto mobile, che riflette la luce dalla lampada proveniente dall'apparato di illuminazione e la punta sul preparato da osservare;

- il diaframma, che regola la quantità di luce necessaria e la concentra solamente sul preparato;
- il tavolino portaoggetti, che si utilizza per sostenere il vetrino con il preparato;
- il porto obiettivi, che permette di scegliere un determinato obiettivo con un semplice movimento di rotazione;
- gli obiettivi, che sono un sistema di lenti con diversi ingrandimenti l'uno dall'altro e sono fissati al porta obiettivi;
- il tubo, che determina la giusta distanza presente fra l'obiettivo e l'oculare;
- l'oculare, che è un secondo sistema di lenti che ingrandisce maggiormente l'immagine;
- la vite macrometrica e la vite micrometrica, che servono entrambi per regolare la messa a fuoco del preparato;
- il braccio, che serve per afferrare e per spostare il microscopio.
Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email