Habilis 4634 punti

L'eclissi e l'origine della Luna


Il movimento di rivoluzione della Luna determina periodicamente il fenomeno delle eclissi.
L’eclisse di Luna si verifica quando si attuano contemporaneamente due condizioni: la Luna si trova nella fase di plenilunio e in prossimità di un nodo. Le eclissi di Luna possono essere totali (se la Luna è immersa completamente nel cono d’ombra della Terra) o parziali (se la Luna è immersa parzialmente nel cono d’ombra della Terra), e sono osservabili durante la notte in tutti i luoghi della Terra dai quali è visibile la Luna.
L’eclisse di Sole si verifica quando la Luna è nella fase di novilunio e si trova in prossimità di un nodo, Le eclissi di Sole possono essere totali (quando il Sole è nel cono d’ombra della Luna), o parziali (quando il Sole è nel cono di penombra della Luna). Le eclissi totali di Sole sono visibili solo entro una fascia limitata della superficie terrestre, perché il cono d’ombra della Luna ha un’estensione limitata, mentre il disco solare ha grandi dimensioni.
Quando il Sole è nel cono d’ombra della Luna, ma questa viene a trovarsi alla massima distanza dalla Terra (apogeo), non si verificano eclissi totali, ma eclissi anulari, durante le quali diventano visibili la parte esterna della fotosfera, la cromosfera e la corona solari.

Per quanto concerne l’origine della Luna sono state proposte quattro ipotesi:
• fissione, separazione di una massa dalla Terra in formazione per effetto del moto di rotazione terrestre;
• cattura, attrazione gravitazionale della Terra su un corpo indipendente in movimento nel Sistema Solare;
• accrezione, aggregazione di frammenti solidi con modalità analoghe a quelle che hanno portato alla formazione della Terra e dei pianeti;
• impatto, evento catastrofico di collisione tra un gigantesco corpo del Sistema Solare e la Terra.
Nessuna delle ipotesi ha trovato una conferma definitiva.

Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email