Ominide 6604 punti

La Corona

La parte più esterna dell'atmosfera solare, la corona, è molto rarefatta. Come la cromosfera, anch'essa è visibile soltanto quando la luminosità della fotosfera viene oscurata.
La corona è un involucro di gas ionizzati che si estende mediamente fino a un milione di chilometri dal Sole e produce un alone con una luminosità pari a circa la metà di quella della luna piena. La temperatura dei gas aumenta mano a mano che ci si allontana dalla fotosfera, e può raggiungere un milione di kelvin in prossimità dei margini esterni della corona, dove i gas sono estremamente rarefatti.
Come per le altre stelle, la fonte dell'energia solare è un processo che avviene all'interno del Sole, chiamato fusione termonucleare, in cui l'idrogeno si trasforma in elio, liberando una grande quantità di energia. La maggior parte viene "trasportata" verso la superficie solare sotto forma di radiazione elettromagnetica attraverso la zona radiativa, l'involucro di gas che circonda il nucleo.

Oltre la zona radiativa, a circa 200.000 km dalla fotosfera, ha origine la zona convettiva, in cui l'energia elettromagnetica viene trasformata in energia termica: si formano flussi di materia più calda che sale e materia più fredda che scende, che trasportano continuamente l'energia verso la superficie. Qui l'energia viene irradiata attraverso la cromosfera e la corona, che sono trasparenti.
Si stima che il Sole stia consumando circa 600 milioni di tonnellate di idrogeno al secondo, di cui 4 milioni di tonnellate circa vengono convertite in energia. Mano a mano che l'idrogeno si consuma, l'elio prodotto dalla reazione di fusione forma il nucleo del Sole, che aumenta continuamente di dimensioni.
Si ritiene che il Sole abbia una temperatura interna di circa 15 milioni di kelvin.

Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email