Ominide 643 punti

I buchi neri


Uno tra gli argomenti più affrontati riguardo la nostra galassia è il buco nero. Come si forma? Come è possibile venire risucchiati da ciò?
Se la massa di ciò che resta di una stella durante una supernova super altre volte la massa del sole, la stella non è in grado di contrastare l’enorme forza gravitazionale e non si formò una stella di neutroni: l’implosione continua finché il collasso genera un buco nero, cioè un corpo con una forza gravitazionale così spaventosa che perfino la luce non riesce a sfuggire alla sottrazione, risultando così letteralmente invisibile.
Qualsiasi cosa che si trovi a passare nelle immediate vicinanze di un buco nero verrebbe risucchiata dalla sua irresistibile attrazione gravitazionale inghiottita per sempre. Tra gli scienziati, molti ritengono che ho un buco nero di massa estremamente elevata Sia presente al centro di molte galassie, compresa la nostra, che potrebbe contenerle e uno con massa da uno a due miliardi di volte la massa del sole.

Nel 1974 Stephen Hawking, uno tra i più importanti fisici conosciuto per i suoi studi sui buchi neri e sull’origine dell’universo, dimostrò un fenomeno alla base della termodinamica dei buchi neri: in realtà un buco nero non è del tutto nero, perché esso emette particelle, in quantità inversamente proporzionali alla sua massa, portando a una specie di evaporazione.

Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017