Genius 19185 punti

Foscolo: Alla sera – commento


Nel sonetto, scritto nel 1803, troviamo accostati i due aspetti caratteristici della personalità del Foscolo: da un lato un Foscolo che aspira alla pace e alla tranquillità interiore e, dall’altra, un Foscolo tempestoso e guerriero che nella sua gioventù ha lottato per la libertà contro gli oppressori.
La sera conduce il poeta a fare una riflessione sulla morte. Egli ama questo momento della giornata perché esso è il simbolo della morte e del nulla eterno. Ama la sera sia d’estate, quando il tempo è sereno, sia d’inverno quando nevica ed il tempo è scuro: questi versi significano che la sera è sempre gradita al poeta sia quando il suo animo è calmo, sia quando è inquieto ed agitato. Quindi il paesaggio esterno della natura corrisponde al suo stato psicologico interno. Pertanto l’arrivo della sera – immagine della morte e del nulla – riesce a trasmettere al Foscolo, almeno per un attimo, un senso di pace e a placare i suoi contrasti interni.
Il poeta non considera la morte come un momento di cui avere paura, ma un momento che non può essere evitato, che attende tutti e che fa parte del ciclo della vita (concetto meccanicistico della natura) per il quale tutto si distrugge e si trasforma secondo le leggi che regolano l’universo. Anzi, si potrebbe aggiungere che per il poeta il calar della sera è motivo di gioia: infatti alla parola “morte” sono associati i termini “cara”, “invocata” e “soavemente”. Di fronte a questo ciclo naturale che vede le stagioni alternarsi e la sera che succede al giorno, il poeta prova una sensazione di pace e le stesse passioni del poeta cessano nella serenità della morte a cui segue il nulla eterno E finisce per sempre anche il periodo di dolori che per tanto tempo hanno fatto soffrire il poeta.
Dal punto di vista della struttura, il sonetto può essere diviso in due parti:
• le due quartine descrivono l’arrivo della sera e corrispondono al poeta che aspira all’equilibrio e alla pace interiore;
• le due terzine descrivono gli effetti che la sera produce nell’animo del poeta, con un accenno finale allo suo spirito tempestoso e combattivo che la sera arriva a calmare.
Hai bisogno di aiuto in Ugo Foscolo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email