lalli29 di lalli29
Ominide 28 punti

La vita di Francesco Petrarca

Petrarca ci ha lasciato molte opere, a differenza di Dante. Un' altra differenza che ci giunge di lui è che nelle sue opere parla molto di se.La donna da lui amata è Laura, la quale sarà la protagonista della vita letteraria e sentimentale dell'autore. Petrarca considerava il volgare una lingua meno nobile rispetto al latino, per questo motivo amava scrivere le sue opere in latino; ma non saranno le opere scritte in latino a garantirgli un grande successo, bensì le opere in latino. Ma tornando a Laura, ella nelle opere del Petrarca viene descritta come una figura evanescente e significativa. Laura morirà giovane come Beatrice(la donna tanto amata da Dante),a causa della peste; la morte di Laura devasta l'autore, facendolo diventare molto chiuso e austero. Egli viene considerato un uomo cosmopolita , poiché non è legato ad una singola città. Egli a differenza di Dante, che amava soltanto la sua città e li avrebbe desiderato passarci l'intera vita, Petrarca amava viaggiare. Egli viaggiava molto perché era un filologo, cioè ritrovava manoscritti molto antichi, fra questi ritrovò alcuni scritti di Cicerone Attico. Egli ripristinò la distanza fra il mondo Classico e il mondo Medievale che nel m Medioevo si era persa. Petrarca è una figura egocentrica e vanitosa, per questo motivo era molto desideroso di avere un riconoscimento pubblico per il suo grande lavoro;il suo desiderio si avverò. A Roma venne incoronato con una corona d'alloro da un famoso oratore. Poiché era molto difficile mantenersi nella sua epoca decise di diventare chierico (come suo fratello) in modo tale da avere grandi vantaggi economici. Petrarca viene considerato un intellettuale cortigiano, poiché era molto richiesto dai signori, e lui apprezzava molto queste ricerche.

Hai bisogno di aiuto in Petrarca?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email