Commento “Trappola per topi” Agatha Christie

La storia è ambienta nella pensione inglese di “Castel del frate”. Gli albergatori, Mollie e Giles, sono una coppia giovane e senza esperienza che accolgono i loro primi cinque ospiti. Ad un certo punto la radio dà una tremenda notizia: è stata assassinata una vecchia a Londra e la polizia sta cercando l’assassino. Questo crimine è stato battezzato l’omicidio dei “Tre topolini ciechi”, perché l’anziana uccisa sembra avere un legame con un fatto di cronaca, in cui erano stati sfruttati tre poveri bambini. Alla locanda arriva poi un ospite inatteso: il sergente Trotter, che sta indagando sulla morte della signora. Secondo Trotter, l’omicida potrebbe essere uno degli ospiti che ha intenzione di uccidere sulla scia della tipica filastrocca dei “Tre topolini ciechi”: mancano quindi due vittime.
Durante la serata, viene uccisa la signora Boyle. Trotter sostiene che il colpevole sia la signora Mollie e cerca di ucciderla nel tentativo di smascherarla. In realtà, quella del sergente è solo una farsa perché è lui l’omicida e il suo obiettivo è proprio quello di uccidere la locandiera, terzo topolino e responsabile della morte del fratello. Per fortuna, un ospite, la signorina Casewell, comprende tutto: Trotter non è veramente un sergente, ma è l’assassino travestito. La donna, riesce a disarmare il criminale e a farlo arrestare.
Agatha Christie ha scelto di narrare la vicenda in versione teatrale con uno stile piacevole che rende molto anche sotto forma di copione. Il suo sviluppo dialogico permette al lettore di immedesimarsi maggiormente nella vicenda comprendendola al meglio ed alleggerendo la narrazione stessa.
La suspense di questo libro mi ha portato a leggerlo senza quasi fermarmi poiché incuriosita di sapere se le mie idee fossero giuste o meno. Gli indizi vengono messi in evidenza poco per volta. Man mano che ci si inoltra nel romanzo la scrittrice inglese ci fa conoscere i personaggi e ci si rende conto dei segreti che ognuno di loro nasconde gelosamente. Ogni detto è programmato in anticipo per dare al momento giusto quell’effetto per cui tutto sembra casuale e naturale. La Christie tratta in questo romanzo argomenti veramente scottanti ma in modo leggero: come la violenza verso i minorenni, il ruolo della coppia e la funzione della famiglia nella società ma fa in modo che il lettore non dia troppo peso a queste tramite numerosi cambi di scena.
Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 800 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email