Campo semantico dell’organismo:
Malattia, crisi, lisi, cure, buchi che abbiamo nel corpo, soffoco, salute, organismo, tutto il suo corpo si confermò al suo bisogno, s’ingrandì, il muscolo che muove le sue ali, prolungazioni del braccio, e trasformò il suo piede, malati e ammalati, parassiti e malattie.
A questo campo si contrappone quello militare della guerra. I termini che ci riportano ad esso sono: catastrofe inaudita, inventa gli ordigni, gas velenosi, esplosivo enorme, esplosivo incomparabile.

Il finale con il quale Svevo sceglie di terminare l’opera contiene temi già esposti nell’intero brano, ma questi vengono enfatizzati nella conclusione, dove l’autore esprime palesemente la sua concezione pessimistica del mondo. Questi temi sono la malattia, la natura dell’uomo, lo sviluppo e la conseguente dissoluzione. Egli fa inoltre una sorta di profezia sulla possibile guarigione degli inetti.

Tra il brano di Svevo e l’esperienza della Prima Guerra Mondiale s’instaura una forte relazione.

Si percepisce, infatti, la drammaticità di un momento molto duro, dove la fine del mondo è ricondotta mediante l’immaginazione a una bomba “superforte”.
Inoltre, nell’ultima parte del passo appaiono molti riferimenti a guerra e distruzione. Secondo l’autore le cause di tutto ciò vanno ricondotte al peggiore dei mali, la disumanità.

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email